Anno prova assunti concorso 2018, cosa fa il docente e cosa la scuola

WhatsApp
Telegram

Il Miur, con la nota n. 41693 del 21 settembre 2018, ha fornito indicazioni in merito allo svolgimento del percorso annuale FIT, cui sono stati ammessi i docenti che hanno svolto il concorso riservato agli abilitati e le cui GMRE sono state pubblicate entro il 31/08/2018 (si attende che il Miur metta in pratica l’impegno preso con i sindacati, ossia di permettere le assunzioni dalle GMRE pubblicate entro il 31 dicembre 2018).

Sintetizziamo in questa scheda cosa fanno i docenti impegnati nel percorso FIT, cosa fanno le scuole accoglienti (ossia le scuole di incarico annuale) e la relazione tra anno di formazione e prova, di cui al D.lgs. n. 297/94, come novellato dalla legge 107/2015, e percorso annuale FIT.

FIT e Anno di prova

Il percorso annuale FIT, se valutato positivamente, assolve a quanto previsto dall’articolo 438 del D.lgs. n. 297/1994 (come novellato dalla legge 107/2015), che indica gli obblighi del docente in anno di prova.

Per i docenti ammessi al percorso annuale FIT, pertanto, il percorso annuale equivale all’anno di formazione e prova dei docenti immessi in ruolo da GaE e GM 21016, sebbene questi ultimi siano già di ruolo, mentre i primi rimangano assunti con supplenza annuale sino al superamento del percorso.

Cosa fanno i docenti

I docenti, ammessi percorso annuale FIT, devono svolgere gli adempimenti seguenti:

  • redazione della progettazione didattica annuale con l’assistenza del tutor;
  • elaborazione di un progetto di ricerca-azione;
  • verifiche in itinere, a cui sono dedicate almeno 24 ore;
  • predisposizione del portfolio professionale, comprensivo del bilancio di competenze iniziale e finale e del piano di sviluppo professionale;
  • svolgimento di almeno 180 di servizio effettivamente prestato, dei quali almeno 120 giorni  di attività didattica;
  • colloquio finale.

Cosa fanno le scuole

Le scuole, in cui sono presenti docenti ammessi al percorso annuale FIT, devono svolgere gli adempimenti seguenti:

  • assegnazione del tutor;
  • istituzione Commissione di valutazione;
  • presentazione da parte del dirigente scolastico di una relazione per ogni docente, comprensiva della documentazione delle attività di formazione, delle forme di tutoring, e di ogni altro elemento informativo o evidenza utile all’espressione del parere;
  • trasmissione, da parte del dirigente scolastico, alla Commissione della documentazione contenuta nel portfolio.

nota n. 41693 del 21/09/2018

WhatsApp
Telegram

“Come compilare il nuovo pei pagina dopo pagina”. Corso tecnico/pratico di Eurosofia a cura di Evelina Chiocca, Ernesto Ciracì, Walter Miceli