Precari storici scuola, assunzione: anno di formazione iniziale e prova disciplinare. Così il governo vuole assumerli da GPS [VIDEO GUIDA E TESTO PDF]

Stampa

Importanti novità in arrivo per i docenti con almeno tre annualità di servizio negli ultimi dieci anni scolastici (anche non continuativi). In base all’ultima bozza di Decreto Sostegni Bis, ecco come il governo vuole sbrogliare l’intricata matassa.

I posti comuni e di sostegno vacanti che residuano dopo le immissioni in ruolo sono assegnati con contratto a tempo determinato ai docenti che sono inclusi nella prima fascia delle graduatorie provinciali per le supplenze o negli appositi elenchi aggiuntivi.

I posti residui sono assegnati a coloro che hanno svolto entro l’anno scolastico 2020-21 almeno tre annualità di servizio nelle scuole statali negli ultimi 10 anni scolastici oltre quello in corso.

Il contratto a tempo determinato è proposto esclusivamente nella provincia o nelle classi di concorso per le quali il docente risulta iscritto nella prima fascia delle graduatorie provinciali per le supplenze o negli elenchi aggiuntivi.

Nel corso del contratto a tempo determinato i candidati svolgono il percorso annuale di formazione iniziale e prova. Il percorso annuale di foramzione è seguito da una prova disciplinare. La prova è superata dai candidati che raggiungono una soglia di idoneità ed è valutata da una commissione esterna.

In caso di positiva valutazione del percorso annuale di prova e formazione, il docente è assunto a tempo indetermianto e confermato in ruolo nella medesima istituzione scolastica in cui ha prestato servizio.

BOZZA DECRETO SOSTEGNI BIS

Floridia: “Si parte con il concorso ordinario”. Poi la critica: “Non condividiamo reclutamento straordinario dei precari”

Dall’assunzione dei precari ai concorsi semplificati: le misure per la scuola del decreto sostegni bis

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur