Anmil, sono 75 mila gli infortuni accaduti agli studenti nel 2016

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nel 2016 sono stati oltre 75 mila gli infortuni occorsi a studenti delle scuole italiane. Lo rileva l’Anmil, che oggi, in occasione della firma del protocollo con il Ministero dell’Istruzione per divulgare la cultura della sicurezza e della prevenzione, ha presentato un’elaborazione di dati Inail.

Tra gli studenti che hanno denunciato infortuni, il 68% ha meno di 14 anni, il 56% è maschio. Gli studenti infortunati con esiti di inabilità permanente sono stati 134.

La parte più colpita da infortuni gravi è il ginocchio (27%), seguito da caviglia (20%) e polso (12%). Il tipo di lesione più frequente è la frattura, che è causa di oltre la metà delle inabilità permanenti (57%). Il maggior numero di infortuni si è registrato in Lombardia (20%), seguono Emilia Romagna (11%), Veneto (11%), Piemonte (10%), Lazio (7%) e Toscana (6%).

Gli infortuni si sono concentrati soprattutto nel mese di febbraio (17%) e il lunedì (25%). Quasi un terzo degli infortuni è avvenuto tra le 10 e le 11. Tra gli studenti infortunati nel 2016, 4.300 sono di origine straniera e per lo più romeni e albanesi.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione