Anita Di Giuseppe (IdV): approvato documento conclusivo indagine media e Minori

di Lalla
ipsef

On. Anita Di Giuseppe – "La Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza ha approvato il documento conclusivo dell”indagine conoscitiva volta ad approfondire la tematica della tutela dei minori nei mezzi di comunicazione". – cosi l’On. Anita Di Giuseppe (IdV) componente della Commissione infanzia.

On. Anita Di Giuseppe – "La Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza ha approvato il documento conclusivo dell”indagine conoscitiva volta ad approfondire la tematica della tutela dei minori nei mezzi di comunicazione". – cosi l’On. Anita Di Giuseppe (IdV) componente della Commissione infanzia.

– "A fronte di un così rapido sviluppo di nuovi sistemi e strumenti mediatici alla portata di bambini e ragazzi, abbiamo voluto in primo luogo richiamare il quadro normativo già presente e ci siamo subito resi conto, anche grazie al valido contributo delle personalità e delle associazioni audite nel corso dell’indagine, che l’attuale sistema codicistico presenta gravi lacune; c’é il rischio concreto che la legislazione resti troppo indietro rispetto al continuo e vertiginoso sviluppo del web e delle nuove tecnologie e questo rende indispensabile un intervento legislativo organico e approfondito, per portare in Parlamento proposte serie ed approvarle in breve tempo.

In secondo luogo – prosegue il Deputato IdV – abbiamo approfondito l’ambito degli strumenti di contrasto a tutte quelle violazioni o anche semplici lesioni dei diritti dei minori che si realizzano per via mediatica, con particolare attenzione al pericolo di sfruttamento sessuale dei minori, alla pedofilia ed alla pedo-pornografia.

Questi mezzi di comunicazione, pur restando potenziali strumenti di crescita culturale e relazionale del minore, non possono e non devono sostituirsi ai genitori, alle famiglie e alla scuola nel compito di educare i bambini e i ragazzi. Lo sviluppo psicofisico dei giovani deve essere tutelato e costantemente monitorato, nell’interesse dell’intera società civile. A tal proposito, abbiamo ricordato la necessità di responsabilizzare genitori e adulti, incaricati di vigilare e assistere i minori, in ordine a tutti rischi derivanti dai contenuti di alcuni prodotti del mercato televisivo, informatico ed anche musicale.

Sono convinta che ci siano le basi per avviare in tempi rapidi un iter parlamentare, alla Camera e al Senato, volto proprio a questi obiettivi. Il Governo – conclude l’On. Di Giuseppe – ed in particolare i Ministri per l’Istruzione, la Giustizia e le Politiche giovanili, dovranno prestare maggiore attenzione a queste questioni".

Versione stampabile
anief
soloformazione