Anief ottiene per altri dieci alunni disabili insegnante di sostegno per il numero di ore indicato dal PEI

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Anief – Il Tribunale di Palermo, su ricorsi patrocinati con sempre grande esperienza e professionalità dai legali Anief Fabio Ganci e Walter Miceli, riconosce la lesione del diritto all’istruzione e all’inclusione operata dal Miur nei confronti di altri 10 alunni disabili accertando e dichiarando, con provvedimenti emanati d’urgenza per sanare immediatamente le illegittimità riscontrate,

“la natura discriminatoria della condotta tenuta dai resistenti, ciascuno per le rispettive competenze, per aver assegnato al minore un numero di ore inferiore a quello indicato nel Piano Educativo Individualizzato durante l’anno scolastico 2017-2018” e ordina al Ministero l’immediata cessazione del comportamento discriminatorio, con l’onere “di assicurare al minore il numero di ore settimanali di insegnante di sostegno previste nel Piano Educativo Individualizzato” senza ulteriori indugi. “Che il Miur continui a ‘risparmiare’ sui diritti dei nostri figli più deboli è inaccettabile – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal –“.

“Non posso non ringraziare – continua il presidente del giovane sindacato autonomo – tutto lo staff che si occupa dell’iniziativa che abbiamo denominato ‘Sostegno: non un’ora di meno!’ e che ormai da anni opera in tutto il territorio nazionale patrocinando in tribunale, con ricorsi gratuiti per le famiglie, azioni legali efficaci che raggiungono l’obiettivo di tutela che ci eravamo prefissi. Nessuno deve dimenticare che la tutela del diritto all’istruzione e all’integrazione dei disabili è assicurata da norme imperative internazionali, europee e interne e tali precetti vanno onorati e fatti rispettare costantemente; il nostro operato rende concreto questo impegno a beneficio degli alunni in difficoltà. Ci auguriamo che il MIUR prenda davvero coscienza delle proprie responsabilità e che assicuri a ogni studente la possibilità di fruire del diritto allo studio e all’integrazione con serenità e senza più dover ricorrere al tribunale. Noi, dal canto nostro, come sindacato che da sempre si schiera dalla parte del rispetto del Diritto, una volta raggiunta la rappresentatività, lavoreremo perché il diritto all’istruzione e all’integrazione degli alunni disabili non venga più messo in discussione né dal Miur, né dalle singole amministrazioni scolastiche”.

L’iniziativa “Sostegno, non un’ora di meno!”, promossa dall’Anief a tutela dei diritti degli alunni con disabilità cui il MIUR nega il corretto numero di ore di sostegno, dunque, ha ottenuto ancora una volta il risultato atteso imponendo all’Amministrazione scolastica il pieno rispetto dei diritti di altri 10 alunni della provincia di Palermo che ora potranno frequentare le attività didattiche con maggiore serenità avendo al proprio fianco il docente di sostegno per le ore effettivamente necessarie ai loro bisogni educativi e formativi.

Anief ricorda che l’indirizzo [email protected] è a disposizione di tutte le famiglie, dei docenti e dei dirigenti che necessitano del nostro intervento o di consulenza per ottenere per ogni alunno il giusto apporto di ore di sostegno nel pieno rispetto della normativa e dei diritti degli alunni disabili.

Per ulteriori informazioni sul programma elettorale Anief e proporre la propria candidatura nelle liste Anief, clicca qui.
Per ulteriori informazioni sui nuovi seminari promossi dall’Anief “DIES IURIS LEGISQUE” con il presidente Marcello Pacifico e consultare il calendario degli incontri, clicca qui.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione