Anief. La ridicola crociata contro i diplomati magistrale, le false accuse al Tar e le tante omissioni sul ruolo della politica

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Anief – Se devi affrontare il problema del precariato, la prima domanda che ti dovresti porre è: perché lo Stato continua a chiamare 100mila supplenti l’anno, offrendo loro contratti fino al 30 giugno?

 Non dovresti chiederti perché vi sono troppi docenti abilitati che vogliono insegnare! E si dovrebbe avere voglia di ricordare perché lo Stato abbia ridotto il tempo scuola e cancellato 200mila posti in sei anni assegnati ai precari e perché, nonostante sia richiesta una maggiore professionalità, sia stato abolito l’insegnamento per moduli nel segmento dell’infanzia e della primaria; proprio quel segmento che nel 2009, grazie anche alle maestre diplomate attraverso gli istituti magistrali assunte prima e dopo il 2002, aveva portato i nostri bambini al 5° posto dei rapporti mondiali PIRLS per capacità di apprendimento e competenze.

 

Già, perché chi ha conseguito il diploma magistrale entro il 2001 è abilitato alla professione di insegnante – piaccia o non piaccia a chi vuole fare l’editorialista – e aveva diritto a inserirsi nelle graduatorie per le immissioni in ruolo già dal 2002, cioè dal primo anno di riapertura delle ex graduatorie permanenti poi trasformate ad esaurimento.  E se è vero che nei prossimi dieci anni si libereranno nell’infanzia e primaria 115mila posti, e se gli attuali inseriti nelle Gae per quest’ordine di scuola sono 65mila, forse ci vorrà un po’ meno dei terroristici 40 anni per esaurire le graduatorie, ammesso che il Parlamento consenta di farle aggiornare, vista l’ultima proroga approvata.

 

E poi attaccare sempre i tribunali perché scrivono sentenze che rispettano diritti costituzionalmente garantiti e continuamente violati da cattivi amministratori dei nostri ministeri o da parlamentari, quando le leggi sottese sono dichiarate incostituzionali, non è proprio carino né caratterizzante uno Stato di diritto. I poteri dello Stato devono essere rispettati e la tutela non si vende per una “manciata di punti” sopratutto giocando sulla testa di quei bambini che dovranno diventare in primo luogo buoni cittadini, lavoratori rispettosi della legge e della giurisprudenza. Dalle Gae, giova ricordare, si assume per titoli culturali e di servizio e se qualcuno è assunto con “punti 0” di servizio (sempre che dall’AT abbiano valutato correttamente la domanda senza cestinarla o non abbiano attribuito il punteggio dei servizi svolti direttamente nel computo del punteggio totale, come è successo a Roma), vuol dire che nessun altro aveva più punti. Allora, magari, la domanda da farsi è un’altra: come è possibile che non sia stato permesso ai giovani laureati SFP di inserirsi nelle Gae o a qualcun altro con un maggior punteggio di cambiare provincia? Senza dimenticare, comunque, che diversi diplomati magistrale hanno partecipato all’ultimo concorso e, guarda un po’, l’hanno pure vinto.

 

Magari, queste poche e semplici riflessioni, potranno spegnere questa nuova e assurda crociata contro “l’untore” di turno e riportare il dibattito sul precariato a una più attenta e obiettiva analisi. Nel frattempo, Anief continuerà a difendere nei tribunali chi ha diritto ad insegnare, sia laureato o diplomato, e ad esser assunto se abilitato senza anni e anni di supplentite, perché il nostro sindacato tutela i Lavoratori senza assurde distinzioni e, chissà perché, poi in tribunale l’ago della ragione e della Giustizia pende sempre dalla nostra parte.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione