Anief: In arrivo un’altra spending review, l’eredità del Governo PD metterà in ginocchio la scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Anief – Continua l’azione di risparmio sulle spalle della scuola pubblica: le avvisaglie si erano avute lo scorso anno, quando il partito di maggioranza, il Partito Democratico, solo a parole strenuo difensore dell’istruzione nazionale, aveva provato a tagliare un anno delle medie per poi virare sulla maturità anticipata di 12 mesi allargando a dismisura la sperimentazione.

Per non parlare del blocco del turn over, sul proseguo delle classi pollaio, sull’esplosione dell’organico di fatto e sull’ulteriore taglio del personale Ata. Ora si scopre che tutte queste più o meno sottili operazioni erano solo l’antipasto.

 

Il primo inquilino di viale Trastevere, in procinto di essere nominato assieme al primo Governo della XVIII legislatura, dovrà riuscire a mettere in pratica il programma sulla scuola contenuto nel Contratto di governo M5S-Lega, dovendo fare a meno di 160 milioni di euro nei prossimi tre anni. Il Fatto Quotidiano parla esplicitamente di esigenza di imporre una nuova spending review e ha sottolineato che si tratta di “eredità pesante lasciata dal Governo uscente”. Conti alla mano, riassume Orizzonte Scuola, dai documenti interministeriali emerge che ci sono tagli importanti sia nella scuola, sia nei fondi destinati alla formazione.

 

Più nel dettaglio, nei primi due anni le scuole dovranno fare a meno di 36 milioni di euro (sia per il 2018 che per il 2019) e scendere di altri 35 milioni di euro alla fine del triennio. Lo stesso dicasi per i tagli ai fondi destinati all’offerta formativa che saranno di 18 milioni per quest’anno, di 19 milioni per il prossimo e di poco più di 17 milioni per il 2020. Le ripercussioni dei tagli, riferiscono altri sindacati, si avranno da subito sul finanziamento del bonus per la valorizzazione docente (200 milioni del merito), sulle risorse della legge 440 (che finanzia le attività delle scuole) e sul funzionamento delle istituzioni scolastiche.

 

“In pratica – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – si va a tagliare al cuore della scuola, sulle spese vive di prima necessità. È come se agli ospedali si andassero a tagliare i materiali per le operazioni chirurgiche e per la gestione dei pazienti. È un andare inaccettabile. Spetterà al nuovo ministro informare immediatamente il Governo della presenza di questo ulteriore “fardello”, in modo che l’esecutivo possa emanare un decreto soppressivo, trovando le risorse utili a coprire le economie previste della maggioranza uscente”.

“Al nuovo Governo chiediamo di introdurre una politica opposta: la scuola ha bisogno estremo di risorse, considerando che gli investimenti rispetto al Pil sono fortemente sottodimensionati rispetto a tutti i Paesi moderni. Occorre contrastare la dispersione e l’abbandono scolastico, ridurre il numero di alunni per classe, trasformare i 100mila posti in organico di fatto in organico di diritto, la metà dei quali su sostegno, stabilizzandovi tutti i precari storici, i diplomati magistrale e coloro che, in possesso di abilitazione, hanno svolto tre anni di supplenze anche non continuative. Sono passaggi centrali, fondamentali, che necessitano di investimenti: il tempo della spending review è finito, altrimenti – conclude Pacifico – la scuola finirà nel baratro”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione