Anief: il gradone “3-8” deve essere riconosciuto anche se il servizio precedente al 2011 è stato svolto a tempo determinato

Stampa

Comunicato Anief – La Corte d’Appello di Caltanissetta dà piena ragione agli avvocati Anief Fabio Ganci, Walter Miceli, Tiziana Sponga e Chiara Rita Tumminelli e condanna il Ministero dell’Istruzione a riconoscere a un docente immesso in ruolo successivamente al 2011, ma con anni di precariato alle spalle, la clausola di salvaguardia prevista dal C.C.N.L del 19 luglio 2011 e riconosciuta solo in favore dei docenti assunti con contratto a tempo indeterminato che fossero in servizio nel 2010.

L’Anief ricorda a tutti i lavoratori che è ancora possibile ricorrere per vedersi riconosciuto il diritto al “gradone 3-8 anni” anche se immessi in ruolo successivamente al 2011, ma con almeno un anno di precariato svolto precedentemente.

La sentenza ottenuta dall’Anief in Corte d’Appello, nel dare conferma alle tesi da sempre sostenute dal nostro sindacato, ha tenuto a evidenziare come “in tema di riconoscimento dei servizi pre ruolo del personale scolastico, l’art. 2 del c.c.n.l. del 4 agosto 2011, nella parte in cui limita il mantenimento del maggior valore stipendiale in godimento “ad personam“, fino al conseguimento della nuova successiva fascia retributiva, ai soli assunti a tempo indeterminato, viola effettivamente la clausola 4 dell’Accordo Quadro allegato alla direttiva 1999/70/CE, con conseguente disapplicazione della norma contrattuale da parte del giudice e riconoscimento della medesima misura transitoria di salvaguardia anche al lavoratore a termine, poi immesso nei ruoli dell’amministrazione” e, pertanto, “condanna l’amministrazione scolastica resistente al pagamento in favore dell’appellante delle differenze retributive dovute in virtù dell’accertamento del diritto dello stesso a percepire il valore retributivo della fascia stipendiale “3 – 8 anni” fino al conseguimento della fascia retributiva “9 – 14 anni”.

L’Anief, sindacato che da sempre si batte per la tutela dei diritti di tutti i lavoratori della scuola, ricorda che è ancora possibile ricorrere per vedersi riconosciuto il diritto al “gradone 3-8 anni” anche se immessi in ruolo successivamente al 2011, ma con almeno un anno di precariato svolto precedentemente.

Stampa