Anief: Esami di Stato in sicurezza e autodisciplina

Messaggio sponsorizzato

item-thumbnail

Anief – Oggi il presidente dell’Anief, prof. Marcello Pacifico, è intervenuto all’interno del notiziario su Sicilia TV: si è espresso sui bandi di concorso, il personale Ata, i docenti di sostegno e gli esami di Stato.

Ai microfoni di Sicilia TV il presidente Anief, Marcello Pacifico, ha affrontato differenti problematiche inerenti al mondo della scuola. Per quanto riguarda i bandi di concorso, Pacifico ha affermato che essi “non sono la soluzione alla supplentite, lo abbiamo detto come sindacato. Ci sono 78mila posti banditi; noi abbiamo attivato dei ricorsi, poiché tuteliamo le categorie escluse e crediamo anche che sia necessario stabilizzare i precari, attraverso il doppio canale”.

Per quanto concerne il personale Ata, il sindacalista autonomo ha affermato che “deve rimanere in lavoro agile ancora, perché la legge non è cambiata, le lezioni sono sospese fino al 14 giugno. Non è cambiato nulla e come sindacato stiamo vigilando e abbiamo chiesto ai dirigenti scolastici di vigilare; quando poi ci saranno gli Esami di Stato si penserà al ritorno, ma sempre nel rispetto della sicurezza”.

Alle domande riguardanti gli Esami di Stato, Pacifico ha affermato che “sono uscite delle ordinanze ministeriali su come si svolgeranno; c’è molta preoccupazione sulla sicurezza. Ieri è stato elaborato un protocollo per svolgerli in estrema sicurezza e si dovrà vigilare affinché tutto proceda nel modo migliore. Sappiamo che gli Esami di Stato saranno semplificati: 5 colloqui al giorno, di massino un’ora ciascuno. Bisogna come sindacato monitorare che tutto avvenga nel pieno rispetto delle regole. Se la curva epidemiologica dovesse salire, è normale che si dovranno fare a distanza, bisogna anche autodisciplinarsi. Termino con un appello: spero che queste misure di sicurezza vengano rispettate. Gli assembramenti sono vietati, dobbiamo rispettare tutti le regole, il comitato tecnico-scientifico dà le indicazioni, se non si rispettano è colpa di tutti”.

Versione stampabile
Argomenti: