Anief chiede più garanzie e la proroga a fine 2024 dei contratti aggiuntivi Ata, stop ai vincoli mobilità del personale, 100mila assunzioni in ruolo su sostegno, strumento musicale dalla scuola dell’infanzia

WhatsApp
Telegram

Si materializzano gli emendamenti al decreto Coesione presentati da Anief e Cisal dieci giorni fa in audizione all’Ufficio di presidenza della quinta Commissione Bilancio del Senato: le richieste di modifica del decreto legge n.60/2024 riguardano l’organizzazione dei comparti Istruzione e Ricerca e toccano diversi punti: si va dalla validità giuridica degli oltre 6.000 contratti relativi agli organici aggiuntivi ATA e PNRR sottoscritti dallo scorso 16 aprile, alla proroga fino al 30 giugno e al 31 dicembre degli stessi contratti; dalle deroghe ai vincoli attuali sulla mobilità dei neo-assunti, alla trasformazione dei posti in deroga su sostegno in organico di diritto per 100mila nuove assunzioni; dall’introduzione dello strumento musicale nella scuola dell’infanzia, alla conferma dei ruoli per i docenti che hanno superato le prove suppletive nel periodo del Covid, fino alla definizione dei ruoli dei nuovi contrattisti di ricerca attraverso il Contratto collettivo nazionale di lavoro.

Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “la scuola italiana non può andare avanti con le attuali regole che hanno prodotto risultati disastrosi, come il più alto numero di lavoratori della PA con il 25% di precari e un’altissima percentuale di lavoratori in burnout: introdurre, ad esempio delle deroghe sui vincoli della mobilità del personale scolastico, oltre che la conversione nei ruoli dei posti in deroga dei docenti di sostegno e l’introduzione del profilo giuridico per i ricercatori all’interno del CCNL, sarebbe un toccasana non solo per il personale scolastico, ma anche per i giovani in formazione che si ritroverebbero insegnanti e personale stabilizzati. Sarebbe a questo punto bene per tutti – conclude il leader del giovane sindacato – che i senatori della quinta Commissione di Palazzo Madama prendano in considerazione le nostre ragionate proposte di modifica del decreto Coesione”.

Si materializzano gli emendamenti al decreto Coesione presentati da Anief e Cisal dieci giorni fa in audizione all’Ufficio di presidenza della quinta Commissione Bilancio del Senato.

Le richieste di modifica del decreto legge n.60/2024 riguardano l’organizzazione dei comparti Istruzione e Ricerca e toccano diversi punti: si va dalla validità giuridica degli oltre 6.000 contratti relativi agli organici aggiuntivi ATA e PNRR sottoscritti dallo scorso 16 aprile, alla proroga fino al 30 giugno e al 31 dicembre degli stessi contratti; dalle deroghe ai vincoli attuali sulla mobilità dei neo-assunti, alla trasformazione dei posti in deroga su sostegno in organico di diritto per 100mila nuove assunzioni; dall’introduzione dello strumento musicale nella scuola dell’infanzia, alla conferma dei ruoli per i docenti che hanno superato le prove suppletive nel periodo del Covid, fino alla definizione dei ruoli dei nuovi contrattisti di ricerca attraverso il Contratto collettivo nazionale di lavoro.

Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “la scuola italiana non può andare avanti con le attuali regole che hanno prodotto risultati disastrosi, come il più alto numero di lavoratori della PA con il 25% di precari e un’altissima percentuale di lavoratori in burnout: introdurre, ad esempio delle deroghe sui vincoli della mobilità del personale scolastico, oltre che la conversione nei ruoli dei posti in deroga dei docenti di sostegno e l’introduzione del profilo giuridico per i ricercatori all’interno del CCNL, sarebbe un toccasana non solo per il personale scolastico, ma anche per i giovani in formazione che si ritroverebbero insegnanti e personale stabilizzati. Sarebbe a questo punto bene per tutti – conclude il leader del giovane sindacato – che i senatori della quinta Commissione di Palazzo Madama prendano in considerazione le nostre ragionate proposte di modifica del decreto Coesione”.

WhatsApp
Telegram

“Percorsi abilitanti 30 CFU ai sensi dell’art. 13 del DPCM 04/08/2023”.  Hai tempo solo fino al 27 giugno 2024. Contatta Eurosofia