Anief: 2018 anno della rappresentatività e di tanti altri successi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato ANIEF – Pacifico: pronti a portare giustizia dentro ogni scuola italiana.

Mobilità, concorsi, precariato, questi sono i cavalli di battaglia su cui il giovane sindacato ha martellato il Miur nelle aule dei tribunali. Attività che è continuata in Europa presso la Curia, il Consiglio e la Cedu e che è continuata in Italia presso i tribunali del lavoro, amministrativi, la Consulta e la Cassazione. Ancora una volta Anief si conferma opinion leader con 5 mila citazioni nella stampa nazionale e internazionale. Numeri da record che potrebbero sconvolgere i tavoli della vecchia concertazione.

Anief conclude l’anno vecchio con soddisfazione per il risultato elettorale ottenuto, che gli ha permesso di raggiungere la rappresentatività, e l’impegno di rimettere a posto molti tasselli che ancora non vanno nel sistema scolastico italiano. Marcello Pacifico: Come abbiamo dimostrato ai nostri soci e a coloro che hanno creduto in noi siamo pronti a batterci, affinché i lavoratori della scuola possano vedere rispettati i loro diritti; il modello a cui guardiamo e a cui ci rifacciamo è quello europeo. Molti tribunali italiani, e anche europei, hanno accolto di buon grado il nostro operato. Appena l’Aran certificherà la nostra rappresentatività molti eventi cambieranno: siamo fiduciosi e crediamo fermamente che il 2019 sarà un anno importante: ci vedrà finalmente impegnati in prima linea nella ricerca di risoluzioni certe. Con noi la scuola può e deve cambiare. Auguriamo a tutti un anno nuovo pieno di soddisfazioni, di traguardi da raggiungere. Il nostro sindacato è la prova del fatto che credere nei propri sogni sia la chiave per arrivare dovunque.

Il sindacato tira le somme: se da un lato è stato un anno difficile, fatto di battaglie piccole e grandi, con il precariato ancora molto alto, scioperi e manifestazioni di piazza atte a dimostrare che i lavoratori non si sentono tutelati, dall’altro è stato anche l’anno del traguardo raggiunto: a dieci anni dalla fondazione, Anief è diventata rappresentativa, inserendosi in una realtà, quella delle associazioni sindacali rappresentative, che non subiva variazioni importanti da parecchi anni. Anief continua a credere che la soluzione alla supplentite debba necessariamente passare per la riapertura delle GaE a tutti gli abilitati. Il sindacato ricorda che mai come adesso è diventato necessario riaprire le graduatorie ad esaurimento: se ciò non avverrà, con l’inizio del prossimo anno scolastico assisteremo alla mancata copertura di altre decine di migliaia di cattedre, che si andranno ad aggiungere alle 120 mila del 2018. È stato anche un anno ricco, purtroppo, di eventi violenti che hanno avuto come vittime docenti e dirigenti scolastici. Tanti sono i problemi ancora da risolvere e molti gli ostacoli da superare affinché docenti e Ata possano finalmente sentirsi valorizzati per l’importante ruolo che rivestono, ma credere in una scuola migliore è il primo passo da cui partire.

Di seguito, i più significativi successi del sindacato durante il 2018.

GENNAIO 2018

Scatti di anzianità ai precari. Vittoria completa dell’Anief per il riconoscimento del diritto dei lavoratori precari a vedersi riconosciute le medesime progressioni stipendiali che il Miur corrisponde solo al personale di ruolo: con ben 8 sentenze, pubblicate nel giro di poche settimane, gli Avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli, Emilio Magro e Marco Di Pietro travolgono il Ministero a Messina e Catania imponendo il pieno rispetto e parità di trattamento in favore di altrettanti lavoratori precari della scuola.

Mobilità: l’Anief vince in tribunale contro il vincolo sul sostegno: vittoria del sindacato ottenuta dagli Avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli, Ida Mendicino e Mirella Pulvento presso il Tribunale del Lavoro di Trieste che riconosce il diritto al computo del servizio preruolo per il raggiungimento del quinquennio obbligatorio di permanenza sul sostegno condannando il Miur a riformare i trasferimenti effettuati nel 2017 e a pagare le spese di soccombenza quantificate in un totale che supera i 4mila euro.

Mobilità, illegittimo il CCNI che non attribuisce punteggio al servizio nelle paritarie: il Tribunale del Lavoro di Napoli dà nuovamente ragione all’Anief e annulla il CCNI nella parte in cui non attribuisce punteggio al servizio svolto nelle scuole paritarie.

Ricostruzione di carriera, il Miur discrimina il servizio svolto durante il precariato: dal Tribunale del Lavoro di Milano arriva una nuova vittoria targata Anief che riconosce il diritto al computo integrale degli anni di servizio svolti a tempo determinato all’atto della ricostruzione di carriera. Gli avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli e Francesca Lideo ottengono piena ragione in tribunale e la condanna del Miur per discriminazione nei confronti del servizio a termine.

Precariato, il Miur continua a sfruttare i precari. A Bologna tre docenti risarcite con 70mila euro grazie all’Anief: i tribunali continuano a condannare il Miur per violazione delle Direttive UE. Stavolta è il Tribunale del Lavoro di Bologna a dare piena ragione alle tesi patrocinate dai legali Anief Fabio Ganci, Walter Miceli e Tiziana Sponga e a riconoscere a tre docenti precarie il diritto a un risarcimento che supera i 70mila euro tra indennizzo per mancata stabilizzazione e progressioni di carriera mai percepite.

FEBBRAIO 2018

Concorso dirigenti scolastici, i precari hanno pieno diritto a partecipare: il Tar del Lazioemana due decreti monocratici – il 769 e il 770 del 2018 – attraverso cui si chiarisce come si accolga la partecipazione degli assunti nell’anno scolastico 2017/2018 che stanno concludendo l’anno di prova del precedente concorso. Tra le disposizioni del Tribunale amministrativo regionale risulta anche il via libera ai docenti di ruolo che hanno dichiarato nel servizio quinquennale svolto gli anni di frequenza del dottorato di ricerca.

Nuova vittoria Anief in tribunale: i docenti cancellati dalle GaE devono essere reinseriti, lo dice la Cassazione. Ancora conferme in tribunale sul diritto dei docenti cancellati per mancato aggiornamento al reinserimento nelle graduatorie d’interesse. Il Tribunale del Lavoro di Foggia, richiamando il recente pronunciamento della Suprema Corte di Cassazione che dà piena ragione al giovane sindacato, accoglie il ricorso Anief sul reinserimento dei docenti cancellati.

MARZO 2018

Il TAR Lazio dà ragione all’Anief contro il taglio della seconda ora di strumento nel biennio dei Licei Musicali. La nota Miur n. 21315/2017 che confermava il taglio di un’ora del primo strumento nel biennio dei Licei Musicali è stata ritenuta dal Tribunale Amministrativo per il Lazio in aperto contrasto con quanto previsto dalla normativa primaria (DPR n. 89/2010) e annullata in via definitiva attraverso una sentenza esemplare che accoglie in toto quanto da sempre sostenuto dal nostro sindacato.

Ferie ai precari: l’Anief vince in tribunale contro il Miur. L’Anief continua a ottenere successi nei tribunali tutelando i diritti dei lavoratori precari della scuola; riconosciuta l’illegittimità dell’operato del MIUR che ha negato al personale con contratti a tempo determinato la corresponsione delle ferie non godute.

Sciopero, in 5mila invadono le piazze di Roma: mille si ritrovano davanti al Miur per riaprire le GaE Il sindacato ha chiesto di sospendere tutti i ricorsi al giudice amministrativo e al giudice del lavoro, in attesa del parere della Cassazione, dopo il deposito della richiesta di annullamento della sentenza dell’Adunanza Plenaria n. 11/2017 e della denuncia presso la Corte europea dei diritti dell’uomo. A pesare sulla richiesta di sospensione è l’accoglimento del parere, a firma dell’ex presidente della sezione Lavoro della Cassazione Michele De Luca, della conferma in ruolo di chi ha superato l’anno di prova anche se inserito con riserva. Anche ai parlamentari riuniti durante l’insediamento delle Camere è stata presentata la richiesta per l’approvazione di un decreto legislativo per riaprire le GaE ed è stata illustrata la piattaforma sindacale Anief, comprendente tutte le altre ragioni che hanno portato allo sciopero nazionale.

 APRILE 2018

Concorso DS è nuova vittoria Anief: anche i neoimmessi in ruolo potranno partecipare. Il TAR Lazio dà ancora una volta ragione all’Anief e accoglie le richieste di partecipazione al concorso DS dei docenti neoimmessi in ruolo che ancora non avevano superato l’anno di prova, illegittimamente esclusi dal Miur dalla possibilità di partecipare al concorso per diventare dirigente scolastico.

Concorso a Cattedra: è vittoria definitiva per l’Anief sulla partecipazione dei docenti di ruolo. Emanata la sentenza TAR Lazio che dà definitivamente ragione ai legali Anief sul ricorso ‘pilota’ e conferma l’illegittimità della norma contenuta nella “Buona Scuola” e il diritto dei docenti di ruolo a partecipare al concorso a cattedra 2016 e a tutti i concorsi per l’accesso ai ruoli nella scuola pubblica.

Immissioni in ruolo: Miur condannato per violazione del criterio del merito. Torna la questione “pettine-coda” nelle Graduatorie a Esaurimento con la vittoria Anief in Corte d’Appello di Bologna per una docente che il Miur non aveva immesso in ruolo nel 2015 da “fase 0” collocandola “in coda” negli elenchi di sostegno per la scuola infanzia.

Elezioni RSU, Anief diventa rappresentativa: arriva al 12% e in sei scuole su dieci si piazza davanti a Snals e Gilda. Il risultato dovrebbe oscillare tra il 6,5 e il 7,5%, andando a costituire un testa a testa con la Gilda, viste le 41mila deleghe Anief certificate dal Miur (+27 mila dal 2014) rispetto alle probabili 75 mila complessivamente registrate sul nuovo comparto, e ai possibili 60 mila voti espressi rispetto alla precedente tornata, al lordo degli altri ex comparti di AFAM, Università e Ricerca, dove il giovane sindacato non si è presentato. Complessivamente, tra i voti espressi nelle 5 mila scuole dove è stata presentata la lista Anief, si potrebbero superare le 60 mila preferenze (+ 33 mila rispetto al 2015): 11 mila in Sicilia, 9 mila in Lombardia e Campania, le tre regioni che raccolgono la metà dei voti. Se i dati e le relative proiezioni saranno confermati, a scrutinio finale nonostante l’alta percentuale dei votanti, l’aumento delle deleghe e l’unificazione dei comparti, Anief si ritroverebbe a superare la soglia del 5% della rappresentatività, con una preferenza alle proprie liste del 12%, e con una media sul tasso di rappresentativa più del doppio superiore alla precedente certificazione, con una forbice dal 6,5 al 7.5% tale da garantire le prerogative sindacali fino ad oggi negate in termini di permessi, distacchi, assemblee, partecipazione sindacale.

MAGGIO 2018

Concorso a cattedra: il Consiglio di Stato dà ragione all’Anief. Arriva un nuovo soddisfacente successo in Consiglio di Stato per l’Anief sulla partecipazione al concorso a cattedra bandito dal MIUR nel 2012: il Consiglio di Stato conferma l’illegittimità del DDG n. 82/2012 nella parte in cui prevedeva la separazione del punteggio della prova scritta dalla successiva prova pratica o di laboratorio prevista per alcune classi di concorso ed escludeva quei candidati che non avevano conseguito un punteggio di almeno 21/30 nelle prove scritte senza prima far loro sostenere anche la successiva prova laboratoriale.

MIUR travolto in tribunale dall’Anief e condannato a risarcire due docenti con 30mila euro. Ancora una vittoria piena per l’Anief nella tutela dei diritti dei lavoratori precari da anni sfruttati dal Ministero dell’Istruzione: riconosciuto il diritto all’estensione dei contratti dal 30 giugno al 31 agosto di ogni anno, alle progressioni stipendiali e al risarcimento del danno per abusiva reiterazione di contratti a termine e violazione della normativa comunitaria.

Graduatorie ATA 24 mesi: è vittoria per l’Anief sul servizio svolto nelle scuole paritarie. Vittoria targata Anief nella battaglia per il giusto riconoscimento del servizio svolto nelle scuole paritarie. Stavolta è il TAR Lazio a dar ragione al nostro sindacato e a riconoscere il diritto all’attribuzione del punteggio intero agli anni di servizio svolti nelle scuole paritarie, anche ai fini della compilazione delle cosiddette graduatorie “ATA 24 mesi”.

GIUGNO 2018

L’Anief fa risarcire i precari sfruttati: MIUR condannato a 100mila euro per discriminazione. Continua ad avere ragione l’Anief sul palese abuso del precariato oltre i 36 mesi di servizio perpetrato dal Miur e sul diritto dei precari a percepire gli scatti di anzianità anche in caso di plurimi contratti a termine e il Tribunale del Lavoro di Bologna ha accolto senza riserve le tesi da sempre sostenute dal nostro sindacato con una condanna esemplare comminata in favore di tre docenti ancora precari.

Reinserimento in GaE: è vittoria Anief in Corte d’Appello. La Corte d’Appello di Bologna accoglie la tesi patrocinata dall’Anief e conferma il diritto al reinserimento in Graduatoria a Esaurimento di una docente cancellata per mancato aggiornamento.

Diploma Magistrale: il TAR Lazio accoglie l’istanza dei legali Anief e annulla la sentenza di rigetto. Il Tar Lazio, con l’Ordinanza Collegiale n. 6727/18, pubblicata ieri, ha accolto l’istanza di correzione presentata dall’Avvocato Anief Tiziana Sponga, modificando la sentenza n. 5324/2018 (R.G. 8558/14) con la quale era stato erroneamente rigettato il ricorso di centinaia di ricorrenti titolari di diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/2002 a seguito di un’udienza fissata per la sola correzione di errori materiali. Alcuni ATP, nonostante le segnalazioni ricevute direttamente dal nostro Ufficio Legale, avevano provveduto all’ingiusta esclusione dei nostri iscritti e ora dovranno, altrettanto prontamente, provvedere a reinserirli nelle graduatorie di competenza.

Sostegno negato agli alunni disabili, record: in un anno Anief vince oltre 100 cause, tre a settimana. Con le lezioni scolastiche appena terminate, il giovane sindacato tira le somme dell’iniziativa “Sostegno, non un’ora di meno!” che ha prodotto un alto numero di provvedimenti favorevoli da parte del tribunale, a tutela dei diritti degli alunni disabili, ai quali il Ministero continua a negare, per motivi di cassa, il giusto apporto delle ore di sostegno. Il tutto, sempre in spregio alle indicazioni pervenute delle équipe di medici e di professionisti, incaricati di quantificare l’offerta formativa sulla base di necessità di apprendimento oggettive, da cui poi scaturisce il Piano educativo individualizzato. L’alto numero di cause vinte dimostra anche che pure il decreto legislativo 66/2017, attuativo della Legge 107/2015, non ha affrontato il problema con efficacia, limitandosi ad obbligare le famiglie con figli disabili gravi a rifare le certificazioni daccapo, mettendo in dubbio la valenza delle diagnosi in essere e spostando il problema su un piano puramente diagnostico.

LUGLIO 2018

Inserimento in II Fascia AFAM: è vittoria Anief in Consiglio di Stato. Il Consiglio di Stato, con provvedimento cautelare emanato d’urgenza, ha confermato le tesi da sempre sostenute dall’Anief riguardo al diritto all’inserimento in II fascia G.I. dei docenti in possesso di diploma AFAM.

Reinserimento in GaE: è vittoria Anief anche al TAR Lazio. Ancora una volta l’Anief travolge il Miur in tribunale e conferma il diritto dei docenti cancellati per mancato aggiornamento ad essere reinseriti nelle Graduatorie a Esaurimento. Stavolta la vittoria completa arriva dal TAR Lazio su ricorso patrocinato dall’Avvocato Francesca Lideo che ottiene ragione per il nostro sindacato con ben due sentenze, di identico tenore, che dispongono l’immediato reinserimento in GaE dei docenti cancellati per mancato aggiornamento e bacchettano il Miur per aver ostinatamente violato la normativa primaria.

AGOSTO 2018

Sciopero 11 settembre, le richieste Anief: riaprire le GaE con l’emendamento LeU già approvato al Senato, assumere dopo 36 mesi di supplenze, stipendi europei, via la Buona Scuola. I recenti sviluppi dei decreti Dignità e Milleproroghe hanno convinto il sindacato Anief a proclamare il sesto sciopero del 2018: si svolgerà per l’intera giornata di martedì 11 settembre e riguarderà tutto il personale docente, Ata ed educativo, a tempo indeterminato e determinato, delle istituzioni scolastiche ed educative statali e comunali (comprese materne e nidi). La data non è casuale, perché quel giorno coinciderà con la ripresa delle attività della Camera dei deputati, chiamata a confermare anche l’emendamento Liberi e Uguali salva-precari approvato venerdì scorso dal Senato. Si chiede poi di cancellare gli scempi della Buona Scuola, la Legge 107/15 che l’attuale governo ha solo scalfito, andando a cancellare la chiamata diretta, ma lasciando in vita il bonus merito che divide i docenti e dimentica gli altri lavoratori, l’alternanza scuola-lavoro che sfrutta gli studenti delle superiori, un obbligo formativo che fa acqua da tutte le parti, per non parlare dei goffi tentativi di riforma del sostegno e della scuola fino a 6 anni, oltre alle tante altre norme dannose.

Licei Musicali, accolto il ricorso Anief: gli organici 2018 sono illegittimi. La nota Miur sugli organici 2018, che prevedeva una sola ora di esecuzione per il primo strumento nei licei musicali, è stata nuovamente censurata dal TAR del Lazio e annullata in via definitiva per violazione della normativa primaria.

SETTEMBRE 2018

È nuova vittoria Anief in tribunale: chi assiste il genitore disabile deve avere precedenza anche nei trasferimenti interprovinciali. La precedenza per assistenza al genitore disabile deve essere riconosciuta anche al personale della scuola che chiede il trasferimento fuori provincia, questo quanto ottenuto ancora una volta in tribunale dall’Anief a tutela dei diritti dei lavoratori della scuola e delle persone con disabilità.

Miur travolto in tribunale: al concorso 2018 parteciperanno altri mille precari. Il TAR Lazio, con altre cinque ordinanze di accoglimento per altrettanti ricorsi Anief, dichiara in via cautelare il diritto all’accesso alle procedure concorsuali 2018 riservate agli abilitati dei docenti in possesso di diploma di Conservatorio, Accademia di Belle Arti e Accademia di Danza, di abilitazione conseguita all’Estero successivamente al 31 maggio 2017 e agli specializzandi sostegno che da anni lavorano nella scuola pubblica e che non avevano potuto iscriversi al concorso riservato agli abilitati.

 OTTOBRE 2018

Mobilità – l’Anief vince anche in Corte d’Appello per il riconoscimento del servizio nelle scuole.paritarie. Presso la Corte d’Appello di L’Aquila l’Anief segna un’altra importante vittoria nella battaglia per il riconoscimento del servizio svolto nelle scuole paritarie al fine dell’attribuzione del punteggio nelle operazioni di mobilità. Gli avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli e Francesca Marcone continuano a ottenere ragione in favore dei nostri iscritti con una nuova sentenza che respinge le tesi Miur e disapplica il CCNI nella parte in cui non attribuisce punteggio al servizio svolto nelle scuole paritarie.

Sostegno – Vittoria Anief a Roma: 10mila Euro di risarcimento per un alunno disabile. Miur, USR, ATP e Istituzione scolastica sono tutti responsabili e dovranno risarcire una famiglia della provincia di Roma con più di 10mila euro per aver discriminato e limitato il diritto all’istruzione dell’alunno affetto da grave disabilità attribuendogli un numero di ore irrisorio rispetto alle sue effettive necessità. L’Anief fa nuovamente bacchettare il Miur in tribunale attraverso le azioni legali proposte con l’iniziativa “Sostegno, non un’ora di meno!” e ottiene dal Tribunale di Velletri una sentenza esemplare che condanna l’Amministrazione in tutte le sue diramazioni a risarcire la famiglia di un alunno con disabilità e a “cessare immediatamente la condotta discriminatoria e garantire, anche per il futuro (dal momento che il PEI deve ritenersi valido per l’intero ciclo scolastico in corso) al minore il numero completo di ore di insegnamento di sostegno settimanali pari a 25”.

NOVEMBRE 2018

Graduatorie a Esaurimento – L’Anief vince in tribunale e riapre le GaE per i laureati in SFP e i docenti cancellati. Demolito dai legali Anief anche l’ultimo decreto ministeriale di aggiornamento delle Graduatorie a Esaurimento. Per l’ennesima volta riaperte le graduatorie utili per l’accesso ai ruoli in favore dei laureati in Scienze della Formazione primaria, annullata la IV fascia delle graduatorie e confermato il diritto dei docenti cancellati per mancato aggiornamento all’immediato reinserimento.

TRENTO – Anief ricorre contro il bando di concorso per titoli per docenti del I e II grado della Provincia autonoma. Il bando trentino, discostandosi significativamente dalle norme adottate a livello nazionale, esclude in modo illegittimo dall’ammissione al concorso i docenti di ruolo e coloro che hanno due anni di servizio e non tre, come richiesto nella PAT. Anief, inoltre, intende impugnare l’esclusione dei diplomati ISEF nonché quella dei laureati non abilitati e degli ITP con tre anni di servizio, da stabilizzare come previsto dalla normativa comunitaria. Previsto anche un ricorso per chi ha prestato servizio in tutto o in parte prima degli ultimi otto anni e per la valutazione, ai fini dell’accesso, dei servizi prestati negli aa.ss. 2017/18 e 2018/19.

In arrivo il “Manifesto europeo degli insegnanti”, da Lisbona Marcello Pacifico (Anief-Udir) rilancia il ruolo del sindacato nella valorizzazione della professione docente e dirigente. Opera di lobbying, informazione, consultazione e dialogo con la Commissione Ue e le autorità nazionale, ricorsi giurisdizionali in tutte le corti europei e italiane per scrivere una Carta dei professionisti dell’educazione, armonizzare reclutamento, progressione di carriera e pensione, diffondere i valori della cittadinanza dell’Unione improntati al rispetto del diritto e del lavoro, alla giustizia sociale: sono alcune delle sfide lanciate durante la tavola rotonda nel giorno conclusivo del convegno Cesi Accademia Europa su Horizon 2025 dal titolo “Professionisti e sindacati dell’istruzione: orizzonte 2025”: la Cesi è pronta a fornire il suo contributo sul Manifesto degli insegnanti.

 DICEMBRE 2018

Nuova vittoria Anief in tribunale: sull’accesso ai PAS il Miur aveva stabilito criteri illegittimi. Continuano i successi ANIEF presso il TAR del Lazio sui requisiti che davano accesso ai Percorsi Abilitanti Speciali: confermate le abilitazioni conseguite dai ricorrenti che contestavano l’illegittimità del bando nella parte in cui richiedeva, come requisito utile per l’accesso ai PAS, 540 giorni di servizio in 3 anni. Gli Avvocati Francesca Marcone e Rodrigo Verticelli ottengono due nuove sentenze con la conferma a pieno titolo delle abilitazioni già conseguite dai ricorrenti che il Miur voleva escludere ab origine dalla possibilità di frequentare i Percorsi Abilitanti Speciali.

Mobilità, è vittoria piena per l’Anief: il TAR Lazio ordina il rientro in Sicilia di 85 docenti. Arrivano nuove soddisfacenti vittorie per i legali Anief dal TAR del Lazio avverso le procedure di Mobilità straordinaria 2016 poste in essere dal MIUR: i giudici amministrativi accolgono le istanze dei ricorrenti e annullano l’Ordinanza Ministeriale 2016 e i relativi trasferimenti imponendo al Miur di utilizzare tutti i posti allora vacanti e disponibili e di procedere ai trasferimenti in base al criterio del merito e nel pieno rispetto del punteggio posseduto dai ricorrenti. L’Avvocato Nicola Zampieri ottiene ragione in favore di altri 85 docenti che potranno, ora, rientrare in Sicilia come sarebbe stato loro diritto sin dal 2016, se il Ministero avesse rispettato il principio del merito e la normativa vigente.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione