Ancora tagli agli organici. Una scatola vuota chiamata scuola

di redazione
ipsef

Comunicato CGIL – Il prossimo anno scolastico sarà privato di oltre 25 mila docenti e 15 mila Ata. Senza personale, senza fondi, in edifici spesso fatiscenti: ecco la riforma Gelmini. Comunicato stampa di Mimmo Pantaleo Segretario Generale della FLC CGIL

Comunicato CGIL – Il prossimo anno scolastico sarà privato di oltre 25 mila docenti e 15 mila Ata. Senza personale, senza fondi, in edifici spesso fatiscenti: ecco la riforma Gelmini. Comunicato stampa di Mimmo Pantaleo Segretario Generale della FLC CGIL

Mai visto un Ministro della Repubblica procedere a testa bassa, lasciando che la scuola statale vada in malora, incurante dei diritti dell’utenza, del dissenso degli Enti Locali, Regioni, delle Associazioni Professionali e dei sindacati, incurante degli effetti già prodotti sulla qualità del servizio, incurante del licenziamento di svariate decine di migliaia di precari.

A settembre 2010 la scuola statale avrà 25.600 posti di docenti e 15.600 posti Ata in meno. Nella secondaria di secondo grado in particolare gli effetti dell’applicazione frettolosa dei regolamenti produrranno effetti pesantissimi sia in termini di tagli che di qualità dell’offerta formativa, determinado una situazione caotica.

Rifiutiamo questa aggressione alla scuola statale chiamata “riforma”.

La pervicacia del Ministro Gelmini nel cancellare posti di lavoro e sguarnire le scuole come presidi culturali non ha eguali nella storia della repubblica.

Riteniamo inaccettabile l’ulteriore tranche di tagli prevista per il prossimo anno scolastico e daremo battaglia fino alla fine per fermare questa politica dissennata che aggrava le condizioni di lavoro del personale, aumenta la confusione, il disservizio e che lascia senza posto di lavoro migliaia di precari.

I cittadini hanno diritto ad una scuola statale ottima.

Bastano poche e semplici cose:

  • rispettare le leggi e la costituzione in materia di diritto allo studio
  • rispettare le scelte delle famiglie sul tempo scuola
  • rispettare il Ccnl sulle prestazioni di lavoro di docenti e Ata
  • garantire la funzionalità e la qualità del servizio
  • rendere sicure le scuole, mettendo a norma gli edifici
  • assumere a tempo indeterminato i precari docenti e Ata su tutti i posti liberi
  • finanziare i bilanci

Fino a quando il Ministro non rivedrà queste scelte di politica scolastica la scuola statale sarà in pericolo.

Per tutte queste ragioni la FLC CGIL, nelle prossime settimane, promuoverà una serie di iniziative di mobilitazione, tra cui:

dal 26 al 30 aprile sit-in a staffetta delle strutture FLC CGIL regionali di fronte al Ministero dell’Istruzione e avvio di una campagna di assemblee nelle scuole aperte alla cittadinanza;

15 maggio: assemblea nazionale del personale precario

28 maggio: iniziativa nazionale risorse finanziarie alle scuole

Settembre 2010: Stati generali della conoscenza

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione