Ancodis: rivedere riconoscimento merito, accanto a DS comitato di valutazione

di redazione

item-thumbnail

Ancodis – Lettera aperta al Ministro. Nella scuola italiana si parla di merito per gli alunni. E per i docenti guai a parlarne con il consenso di politici ed OO.SS.

Abbiamo toccato il fondo.

Piuttosto che picconare il merito occorreva rivedere le modalità di riconoscimento prevedendo accanto al DS la presenza del comitato di valutazione che è espressione del collegio dei docenti.

Stiamo ritornando indietro nel tempo dove il merito era una parola impronunciabile e tutti i docenti ricevevano medesimi riconoscimenti economici (si diceva a pioggia).

Credo che sia una evidente regressione culturale ed una operazione clientelare da parte dei politici italiani e delle OO. SS. che plaudono a queste scelte irragionevoli. La delusione è tanta perché credo che sia stato assestato un duro colpo al tentativo di innestare nel sistema scolastico italiano il principio che il merito va riconosciuto.
Che fare?

Omologarsi all’opinione prevalente oppure continuare ad esprimere posizioni culturali chiare e puntuali seppur minoritarie?

E dire senza incertezze che non siamo d’accordo a queste scelte ideologiche che mortificano quanti si spendono per la qualità didattica, per il miglioramento delle competenze professionali e per l’efficienza gestionale ed organizzativa delle nostre scuole.

Ed i sindacati che accettano tutto questo senza proferire parola.
Per quanto riguarda i Collaboratori dei DS contestiamo queste regressioni ideologiche che vogliono uniformare e mettere tutti i docenti sullo stesso piano (perché così non è!) e vogliamo contrastare queste miopi e demagogiche scelte politiche.

È arrivato il tempo di stabilire da quale parte stare: se da quella del consenso fine a se stesso oppure da quella dell’interesse della qualità e della modernità del sistema scolastico che è anche fondato sulla valorizzazione delle diverse professionalità e della possibilità di carriera non più fondata soltanto sull’anzianità di servizio.

Noi Collaboratori di Ancodis sappiamo bene da quale parte stare!

Versione stampabile
soloformazione