ANCI. Gli Istituti Superiori Musicali sono a rischio chiusura

Stampa

ANCI – "Un incontro urgente per avviare un percorso di riordino condiviso per i 21 Istituti Superiori di Studi Musicali". E’ questa la richiesta contenuta nella lettera che il Presidente dell’ANCI, Graziano Delrio ha inviato al Ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo.

ANCI – "Un incontro urgente per avviare un percorso di riordino condiviso per i 21 Istituti Superiori di Studi Musicali". E’ questa la richiesta contenuta nella lettera che il Presidente dell’ANCI, Graziano Delrio ha inviato al Ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo.

Dopo aver sottolineato che "l’ANCI ha più volte sollecitato i competenti organi istituzionali chiedendo un intervento, sia dal punto di vista finanziario che normativo, onde evitare che tali Istituti rischino il commissariamento o addirittura la chiusura" Delrio ricorda che tali Istituti "a seguito della l. n. 508/99, sono stati equiparati in tutto ai Conservatori tranne che per la provenienza dei finanziamenti che continuano ad essere assicurati esclusivamente dagli Enti locali senza nessun intervento da parte dello Stato".
 
"Una situazione che – aggiunge – sta diventando ogni giorno più insostenibile per i Comuni e che inevitabilmente avrà pesanti ripercussioni non solo sull’istituzione in sé e sull’Ente locale, ma anche sui circa 700 docenti, 10.000 studenti nonché sulle famiglie’’.
 
Da qui la richiesta di un incontro urgente per manifestare "lo stato di forte preoccupazione per una situazione che si trascina ormai da molti anni senza che sia stata individuata alcuna soluzione positiva, ribadendo al contempo la necessità di un intervento finanziario immediato, quale contributo agli oneri che sostengono i Comuni, senza il quale, si paventa la possibilità di dissesto, per alcuni dei nostri istituti musicali che sono comunque parte integrante del sistema dell’Alta Formazione musicale". 

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia