ANCI, chiede a Ministero delle linee guida sul cibo portato da casa

di redazione
ipsef

“Formalizzeremo al Miur e al ministero della Salute la richiesta di indicazioni su come comportarci rispetto alle linee guida sull’organizzazione del servizio mensa”.

Ad affermarlo Cristina Giachi, presidente dell’ANCI, in relazione alla sentenza che concede alle famiglie di alimentare i propri figli con cibo portato da casa.

“Nella lettera – aggiunge Giachi – sottolineeremo il nostro dispiacere, perché la mensa a scuola è un servizio che ha una funzione educativa, prendendosi cura del benessere dei piccoli cittadini: per questo la ferma intenzione dei Comuni è di provvedervi e semmai di migliorarlo”. “Prendiamo atto della decisione di alcune famiglie e della legittimazione loro offerta dal giudice – ribadisce Giachi – ma chiediamo di stabilire quali siano le competenze e le responsabilità di ciascuno degli attori istituzionali coinvolti, perché i Comuni sono tenuti ad offrire un servizio di supporto alla scuola, organizzando la refezione, mentre spetta alle amministrazioni scolastiche organizzare il tempo scuola”.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione