Anche a scuola ci sono uomini e donne, mezzi uomini e mezze donne, ominicchi e femminicchie, pigliainculo e quaquaraquà”. Lettera

Stampa

Leonardo Sciascia aveva proprio ragione, la nostra cara e bella Italia è “composta dagli uomini, dai mezzi uomini, dagli ominicchi, dai (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà (vale ovviamente anche per le donne).

Queste persone sono presenti anche nella scuola italiana.

Anche gli intellettuali non sono immuni dal “virus” dei quaquaraquà.

A scuola l’invidia, l’opportunismo, l’insoddisfazione, la poca gratificazione degli insegnanti da parte di chi invece dovrebbe premiarne la professionalità, lo stipendio vergognosamente basso, la poca considerazione riconosciuta dai politici e dalla società, il servilismo, la codardia, la falsità, la vigliaccheria trasformano spesso queste persone in simboli negativi, in soggetti da denigrare.

Il rispetto per gli insegnanti è quasi scomparso.

La maggior parte dei 950mila insegnanti e 200mila tra assistenti amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici aspetta che siano “gli altri” a risolvere i problemi della scuola.

La scuola pubblica non è mai stata la priorità dei governi di sinistra e di destra. Hanno solo agito… tagliando i contributi.

In questi ultimi 20 anni ci sono stati tagli per oltre 15 miliardi di euro. Solo la riforma Gelmini ne ha tagliato 8 di miliardi e sappiamo a cosa sono serviti.

Gli esami di stato sono terminati in gran parte d’Italia. Molti tra gli addetti ai lavori (presidenti e commissari) sono soddisfatti, anche tra gli studenti c’è in fondo la consapevolezza che il voto conclusivo rispecchia l’esame superato.

Ma c’è un piccolo esercito di prefiche e maschere pirandelliane che tra gelosie, opportunismi, invidie e cattiverie getta fango sull’operato di chi ha svolto in modo esemplare il proprio compito.

Ai colleghi che si sono comportati in modo corretto e professionale consiglio di gridare la fase di Gabriele d’Annunzio: “Me ne strafotto!”

Essere se stessi a scuola, essere contrastivi, intervenire nei collegi dei docenti di fronte all’apatia generale sta diventando molto pericoloso. Molti dirigenti scolastici non amano essere messi in discussione, anzi fanno di tutto perché le questioni, i problemi non arrivino in collegio dei docenti.

Gli obiettivi di alcuni DS sono: “convincere” i contrari, dissuadere i confusi e premiare “gli alleati”.

Invece bisogna continuare a gridare la verità! Bisogna svegliare i colleghi dormienti e combattere quotidianamente in difesa della scuola pubblica laica statale!

Concludo… con la frase di don Mariano Arena (personaggio di Sciascia ne Il giorno della Civetta):
“Io ho una certa pratica del mondo (aggiungo…della scuola)

prof. Paolo Latella
Docente di ruolo c/o l’ITE A. Bassi di Lodi
Attualmente è membro dell’Esecutivo Nazionale del Sindacato Unicobas Scuola e segretario della Lombardia

Stampa

Personale all’estero: certificazione Inglese B2 e corso on-line Intercultura con CFIScuola!