Anche la regione Emilia Romagna a favore dei docenti della II fascia delle graduatorie di istituto

di redazione
ipsef

Dopo la Toscana e il Piemonte anche l'Emilia Romagna presenta il suo emendamento a indirizzo del Governo al fine di includere nel piano di stabilizzazione il personale della seconda fascia delle graduatorie di istituto.

Dopo la Toscana e il Piemonte anche l'Emilia Romagna presenta il suo emendamento a indirizzo del Governo al fine di includere nel piano di stabilizzazione il personale della seconda fascia delle graduatorie di istituto.

L'Assemblea Legislativa dell'Emilia-Romagna impegna la Giunta regionale e l'Assessore competente ad attivarsi con urgenza presso il Governo e il Ministero dell'istruzione, affinché sia previsto un piano di assunzioni che, in tempi e modi adeguati, assorba tutto il precariato del personale docente e ATA includendo nel piano di stabilizzazione tutti i precari della scuola, attingendo sia dalle Graduatorie ad Esaurimento che dalle Graduatorie d'Istituto, che abbia prestato servizio per un congruo periodo quantificabile in almeno 36 mesi, non limitandosi a considerare le sole graduatorie ad esaurimento, ma immettendo direttamente in ruolo, a titolo esemplificativo, anche i precari abilitati in graduatoria di II Q fascia abrogando il comma 27bis del DM 81/13 (che impedisce agli abilitati in Graduatoria d:lstituto di entrare in Graduatoria ad Esaurimento), e di procedere a tali assorbimenti in base alla provincia di iscrizione nella Graduatorie e, solo in subordine, ad attingere alle graduatorie di altre province e regioni e che non precludendo il diritto a lavorare ai docenti con una anzianità pari o superiore di 36 mesi.

La risoluzione

Versione stampabile
anief
soloformazione