Anche il Ministro Fioramonti si è accorto dell’inutilità del bonus merito. Lettera

ipsef

item-thumbnail

inviata da Mario Bocola – Il Ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti ha prospettato l’idea di eliminare il bonus merito dei docenti, in quanto crea condizioni di disparità tra i docenti e non giova al buon clima di serenità all’interno delle istituzioni scolastiche.

Una proposta, questa, che rende felice la categoria degli insegnanti. Il responsabile di Viale Trastevere ha dichiarato, tra l’altro, di voler destinare la quota del bonus premiale dei docenti per incrementare lo stipendio estendendo a tutti il beneficio di godere di un trattamento stipendiale più elevato.

Tuttavia la somma che sarà erogata è minima e si parla di circa 15 euro al mese. È un segnale molto positivo quello del Ministro Fioramonti che abbatte un altro tassello odioso della legge della “Buona Scuola”.

Infatti il bonus premiale è previsto dal comma 126 della legge 107/2015 e per il Ministro del Miur si tratta di una misura che si rivela inutile ed ha il segno opposto.

Il bonus premiale dei docenti deve assolutamente o essere abolito o essere inserito nello stipendio dei docenti spalmandolo, perché in Italia non si posso assegnare bonus per la valorizzazione del merito, in quanto la meritocrazia in Italia viene applicata ad usum delphini.

Nel nostro Paese, purtroppo, chi realmente è capace, dimostra il suo valore e le sue competenze (certificate anche dai titoli culturali) non riceve nulla e chi, invece, al contrario ne è destinatario,

La valorizzazione del merito dei docenti deve essere documentata non soltanto attraverso i progetti, ma accompagnata dalla presentazione di un curriculum vitae in cui si evidenziano anche i titoli culturali (corsi di perfezionamento, master di I e II livello, dottorati di ricerca, seconde lauree, certificazioni informatiche e linguistiche, corsi di specializzazione).

Il bonus premiale, se veramente deve essere considerato tale ha bisogno di essere supportato anche dai titoli culturali e non essere legato da altri incarichi funzionali all’attività didattica. È necessario, quindi, che bisogna la differenza e lo spessore dei titoli e non, altrimenti che razza di bonus premiale è?

Sarebbe il caso di rivedere la normativa eventualmente rettificando le storture della legge 107 della “Buona Scuola”, modificando i criteri di assegnazione da parte dei comitati di valutazione delle istituzioni scolastiche, oppure di eliminarlo definitivamente od anche farlo transitare in una delle voci fisse dello stipendio, almeno si innalza un poco la retribuzione dei docenti, in quanto in tema di remunerazione siamo gli ultimi in Europa e da anni si va affermando “a chiacchiere” e non nei fatti concreti che retribuzioni dei professori italiani sono molti distanti da quelle degli altri Paesi europei.

Di Meglio (Gilda): Fioramonti propone di abolire bonus merito, ottima notizia

Versione stampabile
anief banner
soloformazione