Anche la CUB chiede al Miur il pagamento delle ferie non godute per i precari con nomina fino al 30 giugno

di Lalla
ipsef

Lalla – Dopo la segnalazione di ieri della lettera della FLC CGIL al Miur, anche la CUB si interessa del problema ferie non godute per i precari, chiedendo al Ministero che sia tempestivamente emanata una circolare che consenta il pagamento al personale nominato fino al 30 giugno 2013.

Lalla – Dopo la segnalazione di ieri della lettera della FLC CGIL al Miur, anche la CUB si interessa del problema ferie non godute per i precari, chiedendo al Ministero che sia tempestivamente emanata una circolare che consenta il pagamento al personale nominato fino al 30 giugno 2013.

Al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca
Maria Chiara Carrozza
Al Capo di Gabinetto
Dott. Luigi Fiorentino
Al Capo Dipartimento per l’Istruzione
Dott.ssa Lucrezia Stellacci
Al Direttore generale per il Personale scolastico
Dott. Luciano Chiappetta
Al Direttore generale per la Politica finanziaria e il Bilancio
Dott. Marco Ugo Filisetti

Oggetto: pagamento ferie ai supplenti.

La legge di stabilità per il 2013 (L. 228/2012, art. 1, comma 56) ha stabilito di imporre ai docenti precari con nomina sino al 30 giugno o meno la decurtazione, a partire dal 1 settembre 2013, dei giorni di ferie maturati in corrispondenza ai periodi di sospensione delle lezioni.

Si tratta di una norma due volte inaccettabile giacché:

colpisce gravemente il segmento meno tutelato della categoria;
impone trattamenti diversi per lavori simili.

Lo stesso Ministero, inoltre, ha ritenuto di aggiungere arbitrio ad arbitrio e di applicare la norma a decorrere dal 1° gennaio 2013, con ben 9 mesi di anticipo rispetto alla data stabilita dalla legge. Uno zelo fuor di luogo e fuor di misura viste le mille inadempienze sostanziali e formali che caratterizzano il funzionamento del ministero stesso.

La CUB Scuola Università Ricerca chiede con forza che sia tempestivamente emanata una circolare che consenta il pagamento al personale nominato fino al 30 giugno 2013 delle ferie non godute e che venga ritirata questa legge sciagurata.

Contro l’eventuale pretesa di proseguire nell’attuale pratica di penalizzare la scuola pubblica, i lavoratori che vi operano e, in particolare quelli che già operano nelle condizioni peggiori, la CUB Scuola Università Ricerca agirà sia mediante la mobilitazione diretta che attraverso azioni legali

In fede
Per la CUB Scuola Università Ricerca
Il Coordinatore Nazionale
Cosimo Scarinzi

Ferie non godute per supplenti al 30 giugno saranno retribuite? FLC CGIL bussa ancora una volta alla porta del Miur

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione