Anche Alfano chiede modifica su potere dirigenti

WhatsApp
Telegram

Nessun dubbio da parte del principale partner di maggioranza di Renzi sulla riforma della scuola "sosteniamo la  riforma", dice, ma chiede una riflessione su presidi.

Nessun dubbio da parte del principale partner di maggioranza di Renzi sulla riforma della scuola "sosteniamo la  riforma", dice, ma chiede una riflessione su presidi.

L'argomento più caldo della politica è stato affrontato da  Angelino Alfano durante una intervista di Maria Latella su SlyTg24.  "Sosteniamo la riforma della scuola, ma possiamo usare queste settimane in più per ripensare alcuni aspetti. – ha detto Alfano".

Tra gli aspetti che secondo il leader di NCD bisogna porre attenzione è il potere dei dirigenti. "Noi, ad esempio, – ha detto – siamo a favore del potere accentuato concesso ai presidi, ma c'è il problema di chi controlla i presidi"

Secondo Alfano i dirigenti mancano di una forma di leadership e di legittimazione tra gli insegnanti, per cui si pone il problema della loro valutazione e del controllo del loro operato. "Occorrerà dunque approfondire per trovare una soluzione".

Tra le soluzioni prospettate da alcuni emendamenti al Senato quello di incarichi triennali dei dirigenti, procrastinabili di altri tre anni ed un sistema di valutazione che vedrà appena 170 ispettori vigilare su più di 8mila dirigenti.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur