Anche ai DS tocca pubblicare on line i redditi

di Giulia Boffa
ipsef

GB – I dirigenti scolastici devono mettere on line i loro redditi, pena il pagamento di sanzioni pecuniarie che possono arrivare a 10.000 euro.

GB – I dirigenti scolastici devono mettere on line i loro redditi, pena il pagamento di sanzioni pecuniarie che possono arrivare a 10.000 euro.
La delibera che obbliga a questa incombenza  è la 65/2013  che spiega che le regole di trasparenza si applicano a tutte le Pubbliche amministrazioni elencate all’inizio del Testo unico sul pubblico impiego (articolo 1, comma 2 del Dlgs 165/2001).

La delibera è stata diffusa dalla Civit, la commissione per la Valutazione e la Trasparenza della Pa che ha oggi anche la veste di Authority nazionale anti-corruzione.

I DS sono tenuti a pubblicare in rete la dichiarazione dei redditi e un riassunto certificato dei beni immobili e dei titoli mobiliari posseduti.

Resta ancora da capire come si svolgerà l’applicazione e come dirimere le  contestazioni, che probabilmente nasceranno fra i diretti interessati. Se ne saprà di più tra qualche settimana, dopo la pausa estive, anche se la scadenza è immediata.

 

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare