Analfabetismo funzionale, in Italia rimane a livelli altissimi: uno dei dati peggiori in Europa

WhatsApp
Telegram

L’analfabetismo funzionale in Italia rimane a livelli altissimi. Lo confermano i dati Piaac-Ocse del 2019, segnalati da True Numbers.

Secondo la classifica, in Italia circa il 28% della popolazione tra i 16 e i 65 anni è analfabeta funzionale. Uno dei dati peggiori d’Europa, secondi solo alla Turchia dove il problema chiama in causa il 47% della popolazione.

Cosa significa analfabetismo funzionale? Non significa leggere o scrivere, ma l’incapacità di comprendere e usare le informazioni che si incontrano nella vita di tutti i giorni.

Sono il 27,7% gli italiani inclusi nella definizione di analfabetismo funzionale. Vi è un 5,5% che comprende solo informazioni elementari contenuti su brevi testi scritti e non digitali ed espressi con un vocabolario di base e un 22,2% che si limita alla comprensione di testi misti, cartacei e digitali, sempre brevi, con l’inserimento di informazioni personali.

La persona che è analfabeta funzionale ha enormi problemi anche con la tecnologia, al punto da non riuscire a comprendere il testo scritto su una pagina web o ad assimilare le informazioni su come utilizzare internet e le sue potenzialità. Un analfabeta funzionale è, cioè, spettatore “passivo” di internet: usa i social, ma non li sa maneggiare a proprio vantaggio.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo: Scegli il corso di preparazione di Eurosofia a cura del Prof. Ciracì e dell’Avv. Walter Miceli che prepara a tutte le prove