Anagrafe studenti, partizione disabili. Faq su: tempistica, trattamento dati, verbale accertamento, certificato idoneità psico-fisica

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Miur, con la nota n. 4 del 3 gennaio 2018, ha comunicato la disponibilità in SIDI delle nuove funzioni finalizzate al trattamento delle informazioni relative agli alunni disabili, per i quali è prevista una partizione separata, nell’Anagrafe Nazionale degli Studenti:  SIDI – Area Alunni, – voce di menu “Gestione Alunni” – sezione “Gestione alunni con disabilità”.

Ne abbiamo già parlato in:

Anagrafe Studenti, dal 15 gennaio inserimento dati alunni disabili: dalla certificazione al PEI. Nota Miur

Anagrafe studenti disabili, quali dati trattare e come trasmetterli tramite SIDI

Anagrafe studenti, partizione disabili: termine ultimo inserimento dati dicembre 2018

L’USR Emilia Romagna, in seguito ai numerosi quesiti posti dalle istituzioni scolastiche, ha pubblicato delle faq per supportare le Scuole nella prima fase di utilizzo della nuova funzione.

LE FAQ

1. Tempistica

D. Entro quando è necessario inserire tutti i dati degli alunni con disabilità?
R. Non c’è una scadenza. La piattaforma è stata resa disponibile ora in modo tale che le Istituzioni Scolastiche potessero popolare la partizione nei tempi
necessari. L’obiettivo è ottenere per Dicembre 2018 una base dati consolidata.
2. Autorizzazione da parte della famiglia al trattamento dei dati
D. Perché viene richiesta, in fase di creazione del fascicolo di un alunno, la conferma di aver ricevuto dalla famiglia l’autorizzazione al trattamento dei dati, dato che non necessaria?
R. L’Amministrazione Centrale sta effettuando, con il supporto del Garante della Privacy, le opportune verifiche.
3. Anonimizzazione dati anagrafici alunni nei documenti
D. Perché dobbiamo rendere anonima la documentazione se poi è visibilmente legata alla scheda anagrafica dell’alunno?
R. Si tratta di una richiesta che il Garante della Privacy ha fatto sin dal suo primo parere nel 2015. Attualmente la documentazione caricata nella partizione è a disposizione del le sole Istituzioni Scolastiche, ma dal prossimo a.s. le informazioni raccolte saranno connesse alle funzionalità di determinazione degli organici. Tale documentazione, infatti, sarà vincolata dall’anagrafica di ogni singolo alunno e messa a disposizione dei gruppi di lavoro provinciali addetti alla verifica della stessa al fine della gestione degli organici di sostegno. Si ipotizza, quando saranno implementate le modifiche relative all’applicazione del D.Lgs. 66/17, di predisporre un format per la redazione del PEI che si potrà compilare direttamente in piattaforma e che quindi si potrà anonimizzare molto più facilmente.
4. Verbale di accertamento
D. Se non ho il verbale di accertamento (rilasciato dall’INPS), essendo questo obbligatorio nella partizione, come posso creare il fascicolo dell’alunno?
R. Il verbale di accertamento va acquisito per tutti gli studenti certificati (anche se per gli studenti con Sindrome di Down non sarebbe obbligatorio). Finché il verbale di accertamento non è a disposizione dell’Istituzione Scolastica è possibile salvare il fascicolo nello stato ‘IN LAVORAZIONE’. Questa tipologia di salvataggio fa in modo che il sistema non effettui il controllo sulla presenza delle certificazioni obbligatorie ma allo stesso tempo permette di preparare il fascicolo con tutte le informazioni di cui si dispone in quel momento.
5. Certificato di idoneità psico – fisica per attività di laboratorio (scuole sec. II grado) 
D. In Emilia-Romagna non risulta che le ASL rilascino questa tipologia di certificato, ma lo stesso è obbligatorio. Come posso fare?
R. L’Amministrazione Centrale ha provveduto ad eliminare l’obbligatorietà di questa documentazione.
Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione