Amianto a scuola, oltre 2.000 scuole ancora non bonificate

WhatsApp
Telegram

La recente scomparsa del giornalista Franco Di Mare, morto a per un mesotelioma, tumore molto aggressivo causato per la maggior parte dei casi dall’esposizione all’amianto, riaccende i riflettori sul rischio amianto nelle scuole.

L’Osservatorio nazionale amianto ha segnalato recentemente che il cancerogeno è presente in oltre 2000 scuole.

Nel 2021, i dati dell’Osservatorio Nazionale Amianto (ONA) hanno identificato 2.292 scuole non ancora bonificate dall’amianto. Questo rappresenta il 4,3% degli edifici scolastici contaminati.

Si stima che 356.900 studenti e circa 50.000 membri del personale scolastico siano esposti all’amianto.

Il rischio amianto non riguarda solo le strutture esterne come i tetti, ma anche gli impianti elettrici e le pavimentazioni in linoleum all’interno degli edifici scolastici.

Le città con la maggiore presenza di amianto nelle scuole includono Torino, con 66 edifici non bonificati, Milano, con 89 edifici su 665, e Genova, con 154 edifici su 193.

Dal 2012, l’ONA ha censito circa 4.800 scuole con amianto, di cui 2.500 sono state bonificate. L’incidenza epidemiologica legata all’amianto è significativa, con circa 500 decessi per malattie correlate, tra cui oltre 130 casi di mesotelioma fino al 2021.

L’Osservatorio Nazionale Amianto, guidato da Ezio Bonanni, continua a mappare e segnalare le condizioni di rischio amianto nelle scuole e nelle università italiane. Grazie a questo impegno, molti edifici scolastici sono stati bonificati e messi in sicurezza. L’ONA collabora con istituzioni, associazioni e cittadini per far emergere e risolvere queste situazioni di rischio attraverso la piattaforma web ONA Guardia Nazionale Amianto, che permette segnalazioni anche anonime.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri