Alunno si aggrappa al bus, l’amara analisi del preside: “Mancano le famiglie, ora la scuola si deve sostituire ai genitori. L’unico modo è sanzionarli pesantemente”

WhatsApp
Telegram

L’escalation di comportamenti inaccettabili da parte di alcuni studenti a Pontedera ha sollevato un allarme sociale. Tre episodi gravi in meno di due mesi, tra atti vandalici su mezzi pubblici e comportamenti aggressivi, sono indice di una crisi educativa preoccupante.

Il sindaco di Pontedera Matteo Franconi esorta a non generalizzare, sottolineando l’importanza di un’azione collettiva che coinvolga istituzioni, famiglie e il sistema educativo nel suo complesso. Riconoscere e censurare gli errori di pochi è fondamentale, ma è altrettanto cruciale non demonizzare un’intera generazione. Franconi insiste sulla necessità di un impegno comune per prevenire l’escalation di comportamenti negativi.

A La Nazione, il preside di un istituto tecnico mette in luce un cambio di paradigma nella responsabilità educativa. Un tempo era la famiglia a rafforzare l’educazione scolastica, oggi è spesso il contrario. Tale squilibrio è aggravato dall’influenza dei media e dal contesto sociale esterno, che sembrano prevalere sui principi impartiti a scuola. Secondo il preside, l’unica soluzione è una risposta decisa, compresa la denuncia di atti illeciti.

Un altro dirigente scolastico solleva interrogativi sull’intervento delle autorità. Sebbene le forze dell’ordine facciano il possibile, la presenza costante di controllori sugli autobus potrebbe essere una misura deterrente. La scuola sta facendo tutto il possibile, ma è evidente che servono azioni aggiuntive.

La preside di un liceo parla di una “seria emergenza educativa”, sottolineando il ruolo della scuola nell’insegnamento del rispetto per le persone e le culture. Tuttavia, critica una società ossessionata dall’apparenza e dalla ricerca del successo facile. Secondo lei, dovrebbe esserci un maggior impegno collettivo per promuovere valori come il rispetto reciproco e l’importanza dell’essere rispetto all’apparire.

Folle bravata, studente si aggrappa al retro dell’autobus. L’azienda dei trasporti: “Non è la prima volta, intervengano scuola e famiglia”

WhatsApp
Telegram

Corsi di Formazione in Coaching e Mentoring per i docenti delle scuole con LEARNING COACH SOLUTIONS