Alunno bocciato. Scuola non riconosce dislessia, condanna a risarcimento di 581 euro

di redazione
ipsef

Una scuola è stata condananta per aver bocciato un alunno dislessico. Siamo a Torino era il 2011.

Una scuola è stata condananta per aver bocciato un alunno dislessico. Siamo a Torino era il 2011.

La scuola ha ignorato le richiesta della madre che ha presentato certificazioni che diagnosticavano una serie di disturbi specifici dell'apprendimento: dislessia, sgrafia, discalculia.

Il Consiglio di classe si era limitato a liquidare il caso bocciando l'alunno per scarso impegno.

La decisione non è piaciuta alla madre che ha fatto ricorso al Tar. Il ribunale ha annullato la bocciatura e ha condannato la scuola al pagamento di un risarcimento danni.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare