Per alunni turbolenti servono insegnanti bravi ma anche di polso

Stampa

E’ l’opinione di Beppe Boni, de Il Resto del Carlino,   a commento di una lettera pubblicata oggi dal quotidiano di cui è vicedirettore, in relazione all’episodio accaduto qualche giorno fa in una scuola di Mirandola (MO).

 

Alunno lancia cestino contro l’insegnante. Video sul web

“Deve comunque passare il messaggio – sostiene Beppe Boni – che la scuola non è una sala giochi dove tutto è permesso. E forse per una classe difficile servono anche insegnanti di polso”. “Non tutti i docenti -continua il vicedirettore Boni – sono adatti a tutti i contesti. Come in una squadra di calcio. Vanno valutati professionalità, carattere, adattabilità al ruolo”. “Ma per concludere – sostiene Boni – deve essere chiaro che accanto al processo educativo per gli alunni turbolenti va coniugata la severità. Chi esagera paga il conto”.

 

Stampa

Acquisisci le indispensabili competenze sulla Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un ciclo formativo tecnico/pratico