Alunni DSA, cosa fa la scuola e cosa fanno i docenti. Normativa e documenti. Le nostre Guide

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’USR Emilia Romagna ha pubblicato un documento, in cui si affronta la tematica degli alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento.

Il documento fornisce indicazioni che vanno dall’individuazione dei disturbi alla certificazione e alla predisposizione del Piano Didattico Personalizzato.

PREMESSA E RACCOLTA DOCUMENTAZIONE 

L’USR ricorda che il punto di riferimento normativo è costituito dalla legge n. 170/2010, le cui disposizioni hanno carattere permanente, almeno sino ad eventuali modifiche normative.

L’USR ha dedicato una specifica sezione del proprio sito alla documentazione relativa ai succitati alunni. Vai alla sezione

Anche il Miur ha dedicato un’apposita sezione del sito ai DSA. Vai alla sezione

ADEMPIMENTI DELLE SCUOLE 

Questi i principali adempimenti delle istituzioni scolastiche in merito agli alunni, che presentano disturbi specifici di apprendimento:

  • rilevazione delle difficoltà di apprendimento “resistenti” alla intensificazione e diversificazione dell’insegnamento;
  • stesura del PDP, che non riguarda tutte le discipline ma quelle in cui si manifestano i succitati disturbi;
  • valutazione continua degli alunni con DSA.

FORMAZIONE DOCENTI E DIRIGENTI

Docenti e Dirigenti scolastici devono formarsi e aggiornarsi continuamente in materia di alunni con DSA, anche alla luce di quanto previsto dalla legge n. 107/2015.

Evidenziamo che, alla luce del nuovo CCNL, la formazione dei docenti  resta obbligatoria in termini di impegno etico e professionale. Nessun monte ore da rispettare, nessuna obbligatorietà contrattuale. Formazione docenti, deve rientrare nelle riunioni collegiali o essere retribuita con 17,50 euro l’ora

Leggi tutto il documento dell’USR Emilia Romagna

Qui le novità introdotte dalla riforma (D.lgs. 62/2017)

Le nostre guide:

Alunni con DSA. Dispensa/esonero insegnamento lingue straniere: casi, condizioni, esami di Stato

BES, PDP: quando si può e quando si deve redigere

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare