Alunna sospesa, padre e nonno arrestati dopo l’aggressione al dirigente scolastico e ai Carabinieri

WhatsApp
Telegram

Ancora un episodio di violenza inaudita a scuola Una studentessa tredicenne di un istituto comprensivo, in provincia di Reggio Calabria, è stata sospesa per motivi disciplinari, decisione presa dal Consiglio di classe e che ha scatenato la violenta reazione di suo padre e nonno.

La situazione ha preso una piega drammatica quando i due familiari, recatisi a scuola per contestare la decisione, hanno esercitato pressioni sulla dirigente scolastica, sfociate in minacce velate. La prontezza e la fermezza del personale scolastico hanno permesso di allertare tempestivamente le autorità, richiamando sul posto i Carabinieri della locale Compagnia.

Il confronto con le forze dell’ordine è degenerato in un confronto fisico, durante il quale padre e nonno della ragazza hanno aggredito i militari, lanciando minacce di morte e insulti. Tale comportamento inaccettabile ha portato all’arresto immediato dei due, accusati di lesioni aggravate in concorso e violenza a pubblico ufficiale.

La risposta della giustizia è stata rapida: il nonno della studentessa ha visto convalidato il suo arresto, mentre per il padre, non essendo stata riconosciuta la flagranza di reato, non è stata applicata la stessa misura. Tuttavia, entrambi sono stati sottoposti alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, imponendo loro di presentarsi più volte al giorno.

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti riapertura straordinaria 60 cfu. Scadenza adesioni 24 giugno. Contatta Eurosofia