Alunna con 4 insufficienze non viene ammessa all’esame di terza media. Il Tar boccia il ricorso dei genitori

Stampa

Un’alunna era stata non ammessa all’esame di Stato del primo ciclo a causa di quattro insufficienze. La famiglia fa ricorso al Tar di Genova che però lo rigetta. Si tratta di una vicenda avvenuta in una scuola dell’imperiese.

La famiglia tramite i propri avvocati, riporta il sito Primocanale.it, ha presentato ricorso sostenendo che “la non ammissione all’esame di terza media sarebbe stata ricondotta in via esclusiva alle insufficienze riportate, senza una specifica motivazione” e che ci fosse stata una “disparitа di trattamento rispetto ad altri alunni che avevano conseguito insufficienze in alcune materie” ma nonostante questo erano stati ammessi alle prove.

Il collegio docenti si era espresso in modo chiaro: l’alunna aveva insufficienze in inglese, matematica, scienze e storia e, a giudizio dei suoi insegnanti, aveva una “preparazione molto lacunosa e una maturitа non ancora adeguata per affrontare la scuola secondaria di secondo grado”.

Tesi che è stata condivisa dal tribunale amministrativo, che ha rigettato il ricorso dei genitori sostenendo che “le valutazioni del consiglio di classe in sede di scrutinio finale relativamente alla promozione di un alunno, e gli apprezzamenti sul grado di insufficienza della preparazione raggiunta nelle diverse materie, nonché la compatibilità di questa con le possibilità di recupero dell’alunno, costituiscono espressione di un giudizio di discrezionalità tecnica che spetta al solo consiglio di classe” che deve dare una motivazione in merito alla decisione presa.

Inoltre, non si sono riscontrate, inoltre, disparità di trattamento in quanto “un solo alunno и stato ammesso all’esame di Stato con una sola valutazione insufficiente, a fronte delle quattro insufficienze della figlia dei ricorrenti“.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione