Altre 4 sentenze favorevoli ai precari

di
ipsef

CODACONS – Il tribunale di Monza e quello di Milano condannano il ministero dell’istruzione a risarcire quasi 80.000 euro a due docenti e due ATA per la mancata assunzione a tempo indeterminato

CODACONS – Il tribunale di Monza e quello di Milano condannano il ministero dell’istruzione a risarcire quasi 80.000 euro a due docenti e due ATA per la mancata assunzione a tempo indeterminato

Dopo le prime due sentenze positive ottenute dal Codacons in favore di due docenti milanesi, altre 4 pronunce dei giudici della Lombardia riconoscono i diritti dei precari della scuola, e condannano il Ministero dell’Istruzione a risarcire insegnanti e personale scolastico per la mancata assunzione a tempo indeterminato.

Nello specifico, il Tribunale di Monza ha riconosciuto i diritti di due precari ATA, dichiarando “l’illegittima apposizione del termine e la conseguente nullità parziale dei contratti stipulati tra le partì, condanna il MIUR in persona del Ministro pro tempore, a corrispondere in favore del ricorrente a titolo retributivo un importo pari alla differenza stipendiale tra quanto percepito in forza dei contratti a tempo determinato impugnati e quanto avrebbe dovuto percepire se fosse stata correttamente collocata nei gradini stipendiali previsti dalla successione dei CCNL del comparto scuola in base all’anzianità maturata dalla prima assunzione otre interessi legali dalla scadenza al saldo”.

Il giudice del Tribunale del Lavoro di Milano invece, dott.ssa  Maria Rosaria Cuomo, scrive nella sentenza con cui riconosce i diritti di due insegnanti precari: “il mancato riconoscimento dell’anzianità di servizio lamentato da parte ricorrente, incidendo negativamente sull’aspetto economico, integra una ingiustificata discriminazione ai suoi danni… consegue quindi il diritto al risarcimento del danno pari alle differenze retributive conseguenti al mancato computo, ai fini dell’anzianità, dei periodi di servizio espletato in regime di precariato, risultanti dalla differenza tra la retribuzione percepita dalla parte ricorrente durante il periodo di impiego a termine e la retribuzione che avrebbe dovuto percepire in considerazione della maggiore anzianità e professionalità di volta in volta raggiunta”.

Ora il Ministero dell’Istruzione dovrà versare ai 4 precari complessivamente circa 80.000 euro di risarcimento.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione