Alternanza scuola lavoro, Valditara: “Importante sia per l’istruzione tecnica-professionale che per i licei”

WhatsApp
Telegram

“L’alternanza scuola lavoro è uno strumento fondamentale per i nostri ragazzi. Si tratta di quel momento di formazione al lavoro per far acquisire le hard skills, che formano il ragazzo ad un prossimo percorso formativo. Importante sia per l’istruzione tecnico-professionale ma anche per il percorso liceale”.

Lo ha detto il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara nel corso della quarta puntata della rubrica video “Il Ministro risponde”.

Noi abbiamo voluto garantire sicurezza ed efficacia. La sicurezza abbiamo rafforzato il registro per l’alternanza scuola lavoro con l’inserimento di altri requisiti che devono essere posseduti dalle imprese che ospitano i percorsi. Fra questi capacità strutturali, tecnologiche e organizzative, ad esempio“, aggiunge Valditara.

C’è poi la necessità di coerenza di questi percorsi con il piano triennale dell’offerta formativa -prosegue il Ministro – per assicurare che questo percorso sia coerente con le esigenze del giovane.  A tal scopo ci sarà il docente coordinatore, che dovrà coordinare questi profili per far avere l’esperienza a vantaggio del giovane. Voglio anche sottolineare che le imprese dovranno dimostrare misure di sicurezza nei luoghi di lavoro“.

Con un decreto di legge parallelo prevediamo una formazione specifica dei ragazzi, prevediamo una verifica delle migliori pratiche per metterli a disposizione delle scuole“, continua.

Inoltre, “viene prevista un’assicurazione che ammonta a 10 milioni di euro al 2023, le misure che adottiamo vanno nella direzione di rendere sicuri questi percorsi ma anche efficaci“.

Il 1° maggio abbiamo esteso la copertura assicurativa anche per il personale della scuola, anche durante il percorso in itinere, quando vanno a scuola, ad esempio. E si evita alle famiglie di pagare. Se nelle aule scolastiche dovesse avere un incidente il docente o gli studenti durante l’educazione fisica, ci sarà un’assicurazione pagata dallo Stato”, conclude Valditara.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta