Alternanza scuola-lavoro, studente ruba merce e inizia estorsione da parte del titolare dell’impresa

WhatsApp
Telegram

L’alternanza scuola-lavoro, nonostante l’aumento fisiologico dei ragazzi impegnati in tali percorsi, essendo la medesima obbligatoria, sta stentando a decollare dal punto di vista soprattutto qualitativo e dell’efficacia dei percorsi.

La criticità principale, pur non mancando diversi esempi positivi, sembra essere stata l’efficacia dei percorsi stessi, con gli studenti impiegati in lavori che non dovrebbero svolgere.

A ciò, come apprendiamo dall’Ansa, aggiungiamo un episodio di estorsione, di cui è stato oggetto uno studente di 17 anni nel novarese. Autore dell’episodio incriminato è stato il titolare dell’impresa in cui l’alunno stava effettuando l’alternanza.

Lo studente, secondo la ricostruzione investigativa, ha sottratto dal magazzino dell’impresa della merce per un valore di 400,00 euro. Il titolare, allora, ha iniziato a estorcere denaro al ragazzo: per le 400 euro, se ne fece restituire 600, poi gliene chiese altre 5000. Lo studente, a quel punto, confessò tutto ai genitori che denunciarono il titolare.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria: diventerà annuale. Nessuna prova preselettiva. Affidati ai nostri esperti per superarlo con successo