Alternanza scuola-lavoro, scopppia il caso: studenti lavano bagni. Toccafondi, no ad apprendistato estivo

di redazione
ipsef

La denuncia arriva dagli studenti, raccolta dal Fatto Quotidiano in un articolo a firma Corlazzoli che ieri ha aperto un importante dibattito su uno dei punti di forza della riforma.

Secondo l’Unione Studenti, non sono rari i casi in cui gli studenti impegnati nelle aziende per l’alternanza vengono sfruttati.

Nell’articolo de “ilfattoquotidiano.it” vengono citati casi in cui gli studenti sono stati adoperati per effettuare volantinaggio o per pulire i tavoli dei ristoranti. Qualche studente denuncia di aver lavorato anche per 10 o 12 ore di fila.

Sulla questione è intervenuto affermando che non saranno inviate delle ispezioni, ma che “serve uno scambio di vedute” e che “va valutato caso per caso”.

Un chiarimento arriva anche relativamente alla possibilità paventata dal Ministro di effettuare l’alternanza nel periodo estivo, “Così come italiano, storia e matematica non si fanno ad agosto – dice Toccafondi – preferisco pensare anche a questa attività durante l’anno scolastico”.

Vedi anche

Alternanza scuola-lavoro, medaglia all’inutilità, allo sfruttamento, all’inganno e all’idiozia! Lettera

Versione stampabile
anief
soloformazione