Alternanza Scuola-Lavoro, Petraglia (SI): alle feste di partito? Interrogazione alla Fedeli

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Sinistra Italiana – “Da quando in qua si usa adempiere all’Attività di Alternanza Scuola-Lavoro, resa obbligatoria dalla Legge sulla “Buona Scuola”, in una festa di partito? Se la notizia che ci è giunta dovesse essere confermata, riteniamo questo ‘modus operandi’ gravissimo, seppure condiviso dalle stesse famiglie, perché tradisce il ruolo della scuola, che deve essere innanzitutto un presidio di libertà di pensiero”.

A chiederlo è la senatrice Alessia Petraglia, capogruppo di Sinistra Italiana in commissione Istruzione, prima firmataria di una interrogazione in merito, presentata da alcuni Senatori di Sinistra Italiana e rivolta alla Ministra Fedeli, in merito alla notizia secondo cui alcuni ragazzi dell’Istituto IPSEOA A. Farnese, di Caprarola, avrebbero lavorato presso la festa del Partito Democratico di Roma, in concomitanza di un evento, in cui era presente la stessa Ministra Valeria Fedeli, e che la stessa attività sia stata poi considerata ai fini dell’Attività di Alternanza Scuola Lavoro.

“La scuola – ha proseguito la Senatrice Petraglia- deve dare agli studenti strumenti per muoversi nel mondo del lavoro e non far sì che questi diventino turisti dentro le aziende, così come avviene in alcuni percorsi di Alternanza Scuola Lavoro o, addirittura, come in questo caso, per noi intollerabile, in una festa di partito”.

“L’alternanza scuola lavoro, nel pensiero di questa maggioranza si è dimostrata nella sua totale idea fallimentare. Come Sinistra Italiana, lo abbiamo detto sin dall’inizio, criticando e chiedendo di abrogare le norme sull’obbligo e sottolineando che le esperienze di alternanza possono essere proficue solo se avvengono insieme a un mutamento della didattica, non con un utilizzo improprio dei ragazzi per far risparmiare le aziende o – ha concluso Petraglia . addirittura i partiti”.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione