Alternanza scuola-lavoro nella Green Economy: la sostenibilità che crea occupazione. L’esempio del Liceo Cafiero

di redazione

item-thumbnail

In questa sezione dedicata alla collaborazione tra OrizzonteScuola e il portale di orientamento WeCanJob.it, oltre a mettere a disposizione la strumentazione informativa dedicata, raccogliamo le esperienze significative di alternanza scuola-lavoro già sperimentate nelle scuole italiane. Ad esempio, abbiamo già parlato di come un liceo classico di Roma abbia utilizzato il fundraising per fare esperienza “lavorativa” con gli studenti del 3° anno.

Si tratta di progetti interessanti o innovativi cui si può far riferimento anche in altri istituti. Oggi parliamo di una pratica positiva di alternanza scuola-lavoro sperimentata da un liceo scientifico di Barletta che, assieme ad Arpa Puglia, ha coinvolto gli studenti del terzo anno in attività collegate alla sostenibilità ambientale. Perché la tutela dell’ambiente è un tema centrale per il futuro del lavoro, e la cosiddetta green economy offre sempre maggiori sbocchi professionali.

La Green economy è il più grande datore di lavoro del futuro?

Nell’economia verde si stanno creando milioni di posti di lavoro in diversi settori. Nonostante la crisi economica, l’economia green è cresciuta negli ultimi anni e ha attirato importanti investimenti creando nuova occupazione. Nell’Unione Europea i green jobs sono aumentati del 49% in 15 anni, mentre l’occupazione tradizionale è aumentata solo del 6%. Nello stesso periodo, la ricchezza prodotta dall’economia ambientale è passata dai 135 ai 289 miliardi di euro (leggi tutti i numeri del settore)

Visti questi numeri, green economy significa anche opportunità di lavoro. Secondo il rapporto GreenItaly 2016, di Unioncamere e Symbola, in Italia ci sono già tre milioni di persone occupate nei green jobs, dove emergono nuove figure specializzate molto richieste sul mercato.

Per fare degli esempi:

Sostenibilità e alternanza scuola-lavoro: un’esperienza

In questo quadro, ci sembra dunque interessante presentarvi il progetto di alternanza scuola lavoro che il Liceo Scientifico di Barletta “Carlo Cafiero” ha promosso con l’Agenzia Regionale per l’Ambiente Puglia. Il progetto è tutto incentrato sulle conoscenze e sulla tutela dell’ambiente e coinvolge gli alunni e le alunne della sezione D del triennio per l’anno scolastico 2017-18.

Si tratta di un percorso di consapevolezza sulla necessità di conservare e preservare la risorsa suolo e la risorsa acqua. Tra le attività più interessanti che hanno coinvolto alunni e alunne troviamo:

  • Elaborazione di ricerche su associazioni, comitati ed enti locali, regionali, nazionali e internazionali che forniscono dati e conoscenze in materie ambientali
  • Ricostruzione del quadro degli enti della pubblica amministrazione deputati al controllo della qualità delle matrici ambientali e dei rischi geologici
  • Visite didattiche presso enti di ricerca che studiano le potenzialità e le minacce idrogeologiche
  • Sopralluoghi nel territorio comunale di Barletta e in particolare presso la foce del fiume Ofanto e altri luoghi (raggiunti – ovviamente – con l’uso dei mezzi pubblici per ridurre l’impatto ambientale)

La collaborazione con l’Arpa Puglia è incardinata su riferimenti normativi del Testo Unico dell’Ambiente (Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152, Norme in materia ambientale che ha reso protagonisti gli studenti e le studentesse dando loro maggiore consapevolezza delle ripercussioni sulla salute e sulle matrici ambientali di alcuni illeciti come gli abbandoni dei rifiuti in città e nelle campagne. Il progetto proseguirà il prossimo anno in aziende che attuano il recupero dei “materiali di scarto” da propri o altrui cicli produttivi nell’ottica della strategia rifiuti zero.

L’orientamento verso i green jobs e la promozione di progetti di alternanza attenti alla sostenibilità ambientale appare dunque indicato per cogliere le opportunità di lavoro nell’economia verde e favorire la costruzione di competenze green sempre più centrali. In questo modo si creano non solo professionisti del futuro, ma anche cittadini più consapevoli. Proprio per questo il 2017 ha visto la Commissione europea celebrare la XVII edizione della Green Week, la settimana verde, dedicandola esattamente ai green jobs.

Versione stampabile