Alternanza scuola-lavoro, in Toscana si farà nei Comuni

di redazione

item-thumbnail

L’Anci Toscana e l’USR hanno stipulato un protocollo di intesa avente per oggetto l’alternanza scuola lavoro. 

Il protocollo ha durata triennale e consentirà agli studenti toscani di svolgere l’alternanza anche in Comune, nei vari settori delle amministrazioni comunali.

Un gruppo di coordinamento misto, come riferisce l’Ansa, stabilirà i settori di intervento e provvederà a definire i progetti da attivare.

Portare gli studenti nella realtà dei Comuni è un’idea stimolante, che condividiamo pienamente – sottolinea il presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni -. Sono convinto che trascorrere un periodo all’interno delle amministrazioni comunali può essere un’esperienza realmente utile e formativa, a disposizione anche di chi studia in scuole di territori decentrati, che hanno forse meno vicinanza e consuetudine con le istituzioni locali”.

L’Ufficio scolastico regionale per la Toscana ha, tra i suoi obiettivi, quello di supportare le scuole nell’espletamento di tutti i loro compiti e, dunque, anche in quello di individuare enti, associazioni e aziende che accolgano studenti per percorsi di alternanza scuola-lavoro, anche in località che offrono meno opportunità, quali possono essere paesi dislocati lontano dai grandi agglomerati urbani – afferma il direttore Petruzzo – . Ed è proprio in quest’ottica che è stata stipulata questa intesa“.

L’Anci Toscana avrà il compito di:

  • individuare settori di intervento e aree operative disponibili ad accogliere gli studenti;
  • consentire l’accesso alle proprie strutture, alle strutture degli enti locali associati e a mettere a disposizione personale specializzato in qualità di tutor;
  • far istituire un registro comunale/metropolitano per raccogliere le offerte.

L’USR Toscana, da parte sua,  avrà il compito di:

  • far conoscere alle scuole i percorsi e le attività co-progettate e condivise;
  • promuovere le proposte elaborate presso le scuole della Toscana;
  • monitorare e valutare l’efficacia delle attività.
Versione stampabile