Alternanza scuola-lavoro, Fedeli “se aziende chiedono soldi andate in Procura”

WhatsApp
Telegram

Dure le parole del Ministro Fedeli relativamente alla denuncia delle associazioni studenti di aziende che chiedono soldi agli studenti per svolgere il praticantato.

“Non esiste – ha detto il Ministro in occasione di un convegno della Cisl scuola su “Giovani, scuola, società, lavoro” – che ci siano aziende che chiedono soldi per fare l’alternanza scuola-lavoro. Se accade andate in Procura”. “L’alternanza scuola-lavoro è solo innovazione didattica – ha ribadito la ministra  – e non può essere utilizzata dalle aziende per fare altro”.

“Ci sarà – ha spiegato – un sito Miur per segnalare tutti gli abusi e le irregolarità che si riscontrano durante questo tipo di esperienza; verrà messa a punto la Carta dei diritti e dei doveri per gli studenti in alternanza; verranno predisposti dei modelli, degli schemi, sui contenuti che deve avere il percorso dell’alternanza; e da settembre – ha aggiunto – ci saranno oltre un migliaio di turo all’interno delle scuole per costruire le competenze di progettazione dell’alternanza scuola-lavoro” La ministra ha quindi invitato a fare chiarezza perché “c’è stata spesso – ha fatto notare – una grande confusione tra l’alternanza e la parte che riguarda la formazione negli istituti professionali”.

Sull’argomento è intervenuto anche il segretario CISL, Furlan, che così ha commentato: “L’alternanza è un ponte tra scuola e lavoro, non lavoro sommerso, sottopagato e nascosto”

“Ancora oggi in questo Paese – ha detto – varie esperienze come l’apprendistato o i tirocini hanno perso il loro valore formativo per diventare uno strumento di abuso. Va affermato, invece, una cosa importante e cioè che la scuola è elemento di cultura come lo è il lavoro e scuola e lavoro insieme determinano la possibilità di esser cittadini a pieno titolo”. “Non credo – ha proseguito – che avremo ‘in quattro e quattro otto’ esperienze di alternanza come le vogliamo, dobbiamo però pretendere percorsi e regole chiare”. Furlan ha quindi decisamente bocciato la possibilità di farei alternanza scuola-lavoro attraverso le “imprese simulate” a scuola: “è un insulto, una presa in giro alla cultura del lavoro”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur