Alternanza scuola-lavoro. Esperienza formativa e non sfruttamento. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviato da Mario Bocola – L’alternanza scuola lavoro deve essere considerata una grande opportunità di lavoro per gli studenti che frequentano gli ultimi tre anni delle scuole superiori, occasione propizia per dare a questi ragazzi motivo di fare esperienza concreta nel mondo del lavoro e per vedere come la scuola deve rapportarsi con il difficile mondo lavorativo attraverso stage nelle scuole.

Alternanza scuola lavoro, invece, si è rivelato come uno strumento non per dare la possibilità agli studenti di conoscere da vicino il mondo lavorativo ma per sfruttarli. Si e` avuto contezza in diverse realtà scolastiche di come gli studenti siano stati letteralmente sfruttati e messi a fare volantinaggio oppure come gli studenti degli istituti alberghieri utilizzati a servire le persone durante la festa del partito pidiellino.

Non e` questo il senso della alternanza scuola lavoro perché la filosofia del progetto e` del tutto differente da come la si vuole intendere in quanto viene violato lo spirito del progetto stesso. Pensiamo a dare la giusta risposta alla grave crisi occupazionale valorizzando i talenti dei nostri studenti cercando di ricavare il meglio delle loro energie non sottoponendoli ad un meschino sfruttamento cercando, come si sta facendo, di aggirare la legge.

Se si continua su questa strada sarebbe necessario una rivisitazione del progetto alternanza scuola lavoro se non eliminarlo completamente. Un ripensamento del progetto nell’ottica di un miglioramento dei suoi obiettivi renderebbe alternanza scuola lavoro occasione credibile agli occhi degli alunni, dei genitori e del mondo della scuola in generale.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione