Alternanza scuola-lavoro, Blocco Studentesco: bocciata. Dare poteri decisionali alle Consulte degli studenti

WhatsApp
Telegram

Gli studenti organizzati nel Blocco Studentesco hanno oggi protestato in tutta Italia contro l’Alternanza scuola-lavoro. 

PROTESTA 

Questi, come riferisce l’Ansa, i motivi della protesta:

  • modalità di gestione dell’ASL;
  • impiego in mansioni non coerenti con l’indirizzo di studio;
  • numero di ore lavorative giornaliere.

Ecco quanto riferito dal Blocco in un’apposita  nota: “Dopo un anno dall’avvio del programma istituito con la “Buona scuola” abbiamo svolto un sondaggio tra gli studenti italiani  e il risultato è una piena bocciatura per le modalità con le quali viene gestita l’alternanza.”

PROPOSTE

Gli studenti, oltre alle critiche, avanzano anche delle proposte, tra cui quelle di costituire appositi consigli, formati da docenti, alunni e tutor aziendali, con il compito di individuare percorsi coerenti con l’indirizzo di studio e di controllare lo svolgimento del lavoro presso l’impresa ospitante.

Le Consulte Provinciali degli studenti, proseguono i rappresentanti del Blocco Studentesco, dovrebbero essere rivalutate, attribuendo loro poteri decisionali, tali da raccogliere le testimonianza degli studenti e formulare piani di azione congiuntamente con gli uffici scolastici locali.

Altro aspetto importante, concludono gli studenti, riguarda un maggiore coinvolgimento delle piccole e medie imprese italiane, al fine di valorizzare quel tessuto economico produttivo d’eccellenza tipicamente rappresentativo del nostro paese.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur