Alternanza scuola-lavoro, altri 25 milioni per rendere stabile il sistema duale degli IeFP

WhatsApp
Telegram

Governo e Regioni trovano l’accordo: saranno stanziati ulteriori 25 milioni di euro l’anno, a partire dal 2018, per rendere stabile il “sistema di apprendimento duale” nei percorsi di Istruzione e formazione professionale (Iefp), partito in via sperimentale nel 2015.

Le risorse (aggiuntive rispetto agli ordinari finanziamenti annuali) arriveranno dal ministero del Lavoro (nella ripartizione si proverà a valorizzare l’impegno nei singoli territori – c’è già chi spinge, come regione Lombardia, a “premiare” i contratti attivati); e si punterà soprattutto a rilanciare l’apprendistato di primo livello (quello rivolto agli under 25 per ottenere una qualifica, un diploma o il certificato di specializzazione tecnica superiore).

La novità sarà scritta in un emendamento al decreto attuativo della Buona Scuola di riordino dell’istruzione professionale statale (nei giorni scorsi è giunto anche l’ok del Miur).

La sperimentazione avviata due anni fa ha prodotto primi risultati: i giovani indirizzati verso i percorsi formativi “alla tedesca” (compresa l’alternanza) sono stati oltre 25mila; e i contratti di apprendistato di primo livello sono cresciuti del 33%, passando dai 6.618 del 2015 agli 8.810 del 2016.

Per le imprese (che attraverso i centri di formazione assumono studenti-apprendisti) sono previsti incentivi ad hoc: riduzione dei contributi e sgravi prorogati dalla legge di Bilancio fino al 31 dicembre. In aggiunta, per coprire, in parte, le spese dei tutor aziendali si possono ottenere fino a 3mila euro (in caso di apprendistato di primo livello – si scende a 500 euro l’alternanza).

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur