Alternanza in pubblica amministrazione: Scuole e Comuni uniti per progetti Open Data

di redazione

item-thumbnail

Serve un’idea per svolgere progetti di Alternanza Scuola Lavoro? Vi proponiamo di farla con la pubblica amministrazione locale. Specialmente i Comuni rappresentano un ottimo partner delle scuole per fare progetti di alternanza.

Oltre a mettervi a disposizione le Guide apposite (disponibili per tutti i docenti e le docenti gratuitamente registrati alla comunità di WeCanJob, in questa sezione vi raccontiamo buone esperienze di alternanza per trarre spunto ed eventualmente replicare i progetti nelle vostre scuole e città.

L’esperienza di cui parliamo riguarda la cosiddetta digitalizzazione della pubblica amministrazione, ovvero il processo di semplificazione nella relazione tra lo Stato, i cittadini e le imprese. In particolare, approfondiamo il tema degli Open Data, che rappresenta un ulteriore passo verso l’ammodernamento della comunicazione pubblica, ma anche un potenziale sbocco lavorativo per gli studenti appassionati di informativa, web e comunicazione.

Lavorare con gli Open Data: tra amministrazione e comunicazione pubblica

Ma cosa sono gli Open data? Perché rappresentano un ulteriore passo verso l’ammodernamento della PA a garanzia della trasparenza e della partecipazione dei cittadini?

L’espressione “Open Data” indica i dati pubblici in formato aperto, libero e accessibile a tutti i cittadini e le cittadine, oltre che facilmente riutilizzabili e scambiabili sul web, senza limitazioni di copyright, brevetti o altro. Saper rendere fruibili e accessibili i dati che riguardano la collettività, ma anche saperli organizzare e analizzare, mostrare in grafici e tabelle, sono tutte competenze sempre più richieste nei lavori del futuro.

Lo dicono i dati sulle professioni più ricercate nel 2018, dove le opportunità di impiego riguardano la cosiddetta Information & Communication Technology (ICT). Qui si stimano circa 1 milione di posti di lavoro in più (leggi tutti i dati sulle professioni del 2018.

Con riferimento alla digitalizzazione della comunicazione pubblica, ovvero a quella che riguarda le istituzioni, primeggiano le figure professionali con comprovata esperienza in informatica.

Open data e alternanza: l’esperienza del Comune di Galatone

In questo quadro, si può usare l’alternanza scuola-lavoro per aiutare la PA a rilasciare Open Data? Sì, si può fare. L’esperienza del Comune di Galatone, in provincia di Lecce, lo ha fatto proprio attraverso un progetto di alternanza con l’IISS “E. Medi”, mettendo on line il portale http://dati.comune.galatone.le.it/.

Il progetto ha coinvolto gli studenti e le studentesse della quarta di Informatica dell’istituto, impegnati presso gli uffici del Comune nel progetto denominato “Open Class”. Il lavoro è stato possibile per la convenzione di collaborazione siglata da tre soggetti:

  • il Comune di Galatone
  • l’IISS E. Medi
  • il consulente open data del Comune

L’obiettivo del progetto di alternanza era di integrare le reciproche competenze per creare servizi utili a tutta la cittadinanza e alla stessa Amministrazione Comunale, in linea con la normativa dettata dalla Legge Madia per la trasparenza e la partecipazione dei cittadini verso le amministrazioni pubbliche.

Il progetto “Open Class” ha coinvolto sia gli studenti e i docenti della classe quarta informatica del IISS Medi, sia i dirigenti e impiegati dell’Amministrazione Comunale. È stato creato un portale per la visualizzazione di dati in formato aperto, accessibile a tutte le applicazioni per il riuso, di utile rilevanza pubblica, quali:

  • dati sulle attività produttive
  • dati su servizi commerciali
  • dati di toponomastica cittadina
  • dati georeferenziati sugli incidenti avvenuti nel perimetro urbano
  • dati sulle masserie storiche

Sono stati creati 37 data-set ed è stato quindi realizzato un esempio di riuso gratuito di alcuni di essi, utilizzando una app di telegram da utilizzare su smartphone per la consultazione degli avvisi della protezione civile, delle attività commerciali, della mensa scolastica, dell’albo pretorio, della sezione di voto e della segnalazione di guasti o buche stradali da parte del cittadino.

Su Scuola e Digitale leggi anche:

Versione stampabile