Almamater: è una tragedia che solo il 30% dei diplomati si iscriva all’Università

WhatsApp
Telegram

"E’ una bestemmia dire che in Italia ci sono troppi laureati". Anzi "è una tragedia che solo il 30% si iscriva all’Università".

Parola del rettore dell’Alma mater Ivano Dionigi, che presentando questa mattina nell’aula absidale di Santa Lucia l’indagine diAlmalaurea sulla condizione occupazionale degli studenti ha invitato a non intraprendere una "lotta" contro la politica, ma senza risparmiare critiche nei confronti di quel mondo.

"E’ una bestemmia dire che in Italia ci sono troppi laureati". Anzi "è una tragedia che solo il 30% si iscriva all’Università".

Parola del rettore dell’Alma mater Ivano Dionigi, che presentando questa mattina nell’aula absidale di Santa Lucia l’indagine diAlmalaurea sulla condizione occupazionale degli studenti ha invitato a non intraprendere una "lotta" contro la politica, ma senza risparmiare critiche nei confronti di quel mondo.

Nel confronto dei quali l’Università sta svolgendo a suo avviso un ruolo di "supplenza".  Ad esempio nella ricerca di un posto di lavoro per gli ex studenti, cosi’ come l’Ateneo bolognese ha fatto pochi giorni fa organizzando il "Career day".

La notizia è riportata dall’agenzia Dire.

"Credevamo che non fosse nostro dovere trovare lavoro agli studenti, che spettasse alla politica", ha detto Dionigi (atteso il ministro all’Ambiente Gian Luca Galletti, in platea c’è anche Romano Prodi, che chiuderà i lavori nel pomeriggio). Quanto al consorzio Alma laurea "diversi ministeri farebbero bene a utilizzarlo più e meglio", mettendo da parte anche le "gelosie".

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur