Allontanò docenti senza green pass, preside scagionato: “Ha agito in modo scrupoloso, seguendo la legge”

Stampa

Fece scalpore, lo scorso 1° settembre, la vicenda che vide protagonisti due docenti di un istituto superiore di Torino.

Gli insegnanti si presentarono ai Carabinieri per denunciare il dirigente scolastico che vietò loro l’ingresso a scuola perché sprovvisti di green pass. I docenti avevano esibito un certificato firmato da un medico che garantiva l’esenzione dall’immunizzazione per asserite patologie.

Nonostante ciò, il preside aveva deciso di respingerli ritenendo il foglio del medico non valido. Da qui la denuncia dei docenti contro il dirigente, accusato di abuso d’ufficio.

Green pass, due docenti a Torino respinti dal preside: avevano presentato certificato firmato dal medico vaccinatore

Secondo quanto segnala il Corriere della Sera, la Procura di Torino, al termine degli accertamenti, ha chiesto l’archiviazione.

“Ha agito in modo scrupoloso e applicando la legge”, scrive la Procura.

Dunque i due docenti avevano torto e il preside ragione. Il certificato presentato dai due docenti non era valido. L’esenzione, infatti, deve essere redatta e firmata da un medico vaccinatore, da un medico di base o da un pediatra che aderisce alla campagna vaccinale contro il Covid.

Nello specifico, invece, il certificato era stato firmato da un dottore che, stando alle verifiche della magistratura, non è risultato essere un medico vaccinatore e neanche avrebbe aderito alla campagna vaccinale.

Per la Procura, dunque i certificati non hanno alcun valore perché non rispettano i criteri ministeriali.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur