Allerta meteo, la chiusura della scuola è decisa dai sindaci, non dalla protezione civile

Stampa

Non c’è rapporto diretto tra emanazione da parte della Protezione Civile dell’Allerta rossa in caso di maltempo, e l’ordinanza sindacale di chiusura delle scuole.

A chiarire questo aspetto è la Protezione Civile regionale siciliana, che in una nota spiega come “gli avvisi di protezione civile riguardano separatamene il rischio idrogeologico e il rischio idraulico”; e come “gli avvisi di protezione civile non contengono notizie dirette in ordine a livelli di piovosità”.

Nella nota, inoltre, il Dipartimento di Protezione Civile ribadisce che “gli avvisi hanno sempre valore di previsione e non di certezza di accadimento, si ritiene che la chiusura delle scuole debba essere determinata esclusivamente sulla base dell’esame del rischio esistente sul territorio e, pertanto, dovrà essere valutato se i plessi scolastici sono ubicati, o se la viabilità che dovranno percorrere i loro fruitori ricade, su aree a rischio idrogeologico o idraulico.

“In tale situazione – conclude la nota – potrebbe ipotizzarsi la chiusura delle attività didattiche (ma anche di quelle lavorative e produttive) che altrimenti sarebbe assolutamente priva di necessità. La valutazione, fondamentale per determinare la sospensione delle attività, è in capo alle amministrazioni locali e più precisamente ai sindaci in qualità di autorità locale di protezione civile”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur