“Alleati per la vita”, cantonata del PD

di redazione
ipsef

In un comunicato, Francesca Puglisi, Responsabile Scuola Segreteria Pd, annuncia che i parlamentari Pd presenteranno un’interrogazione al ministro Gelmini sull’accordo firmato col ministro La Russa per diffondere la “cultura militare” nelle scuole italiane. Ma l’iniziativa fu avviata da Fioroni.

In un comunicato, Francesca Puglisi, Responsabile Scuola Segreteria Pd, annuncia che i parlamentari Pd presenteranno un’interrogazione al ministro Gelmini sull’accordo firmato col ministro La Russa per diffondere la “cultura militare” nelle scuole italiane. Ma l’iniziativa fu avviata da Fioroni.

Da canto sul il MIUR risponde affermando che le "polemiche nate dopo la firma del protocollo su "Allenati per la vita" sono assolutamente infondate e finalizzate solo alla distorsione del progetto. […] L’attività, nata in maniera sperimentale cinque anni fa, è stata ufficializzata con il primo protocollo nel settembre 2007, sotto il governo di centrosinistra."

Il comunicato del Ministero continua difendendo l’iniziativa voluta dal centrosinistra, affermando che "E’ un’ attività sportiva complessa e articolata che ha come primo obiettivo la conoscenza di se stessi, la capacità di lavorare in gruppo e di cooperare e l’acquisizione di competenze nei settori della protezione civile e del soccorso. Non è affatto finalizzata all’esaltazione della cultura militare, come riportano alcuni organi della stampa. Alla firma del protocollo infatti, erano presenti enti come la Croce Rossa e Associazioni di volontariato a vario livello, che poi parteciperanno alla realizzazione delle attività. Uno degli aspetti del progetto, e non il più importante, sono le prove di tiro con l’arco e con la carabina ad aria compressa. Non sono attività paragonabili a tecniche militari, bensì sono le stesse che si svolgono a livello olimpionico. Sono dunque da respingere tutte le interpretazioni finora avanzate, dettate solo dalla volontà di infangare un’iniziativa a cui aderiscono esclusivamente ragazzi e ragazze volontari, nell’ambito dell’insegnamento di "Cittadinanza e Costituzione".

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione