Alleanza Verdi Sinistra propone un fondo di solidarietà per viaggi di istruzione e l’estensione della Carta della cultura giovani

WhatsApp
Telegram

Oggi pomeriggio a Montecitorio, Nicola Fratoianni, Marco Grimaldi ed Elisabetta Piccolotti, rappresentanti dell’Alleanza Verdi Sinistra, hanno presentato una proposta di legge che punta ad aumentare l’accessibilità ai viaggi di istruzione per gli studenti e ad estendere la gratuità dei libri di testo a un numero maggiore di famiglie.

La proposta prevede l’istituzione di un fondo di solidarietà per i viaggi di istruzione presso il Ministero dell’Istruzione. Questo fondo verrebbe ripartito tra le scuole, in modo da garantire a tutti gli studenti la possibilità di partecipare alle gite scolastiche in programma, indipendentemente dalla loro situazione economica.

Inoltre, l’Alleanza Verdi Sinistra propone l’estensione della Carta della cultura giovani ai viaggi di istruzione, così da offrire ulteriori opportunità di accesso alla cultura e all’educazione per gli studenti.

Infine, la proposta prevede di estendere la gratuità dei libri di testo a tutti gli studenti che frequentano fino all’ultimo anno di obbligo scolastico e appartengono a famiglie con un ISEE fino a 35.000 euro. Questa misura permetterebbe a un maggior numero di famiglie di beneficiare dell’accesso gratuito ai libri di testo, alleggerendo il peso economico sostenuto in ambito educativo.

L’Alleanza Verdi Sinistra sostiene che queste misure contribuirebbero a ridurre le disuguaglianze tra gli studenti e a garantire un’educazione di qualità per tutti, indipendentemente dalla situazione economica delle famiglie. La proposta di legge è attualmente in fase di discussione e verrà valutata nelle prossime settimane.

In un momento in cui la questione dell’accessibilità all’istruzione è al centro del dibattito politico, l’Alleanza Verdi Sinistra si impegna a portare avanti proposte concrete che mirano a garantire pari opportunità a tutti gli studenti italiani.

La proposta di legge si compone di 3 articoli

L’articolo 1 prevede l’istituzione del fondo di solidarietà per i viaggi di istruzione presso il Ministero dell’Istruzione e del merito che lo ripartisce, sulla base dell’Indice di disagio sociale, tra i diversi istituti di scuola secondaria di secondo grado. Le scuole devono permettere a tutti gli studenti che vogliono prendere parte ai viaggi di istruzione di potervi partecipare. A questo scopo possono fruire della parte loro spettante del fondo e da esso attingere contributi per gli studenti con un isee massimo di 35.000 euro. Se il fondo non dovesse essere sufficiente a coprire tutte le domande, il Consiglio di istituto può deliberare di utilizzare contributi volontari delle famiglie. Il relativo onere viene compensato dal maggior gettito derivante dall’immediata entrata in vigore della Sugar tax.

L’articolo 2 estende l’utilizzo della Carta della cultura giovani ai viaggi di istruzione. La Legge di Bilancio 2023 pubblicata in GU n 303 del 29 dicembre 2022 e in vigore dal 1 gennaio 2023 con il comma 630, a decorrere dal 2023, sostituisce la Carta elettronica legata al bonus cultura ai giovani (c.d. “18app”) con due nuovi strumenti: la «Carta della cultura Giovani» e la «Carta del merito». La «Carta della cultura Giovani», è destinata a tutti i residenti nel territorio nazionale in possesso, ove previsto, di permesso di soggiorno in corso di validità, appartenenti a nuclei familiari con indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore a 35.000 euro, ed è assegnata e utilizzabile nell’anno successivo a quello del compimento del diciottesimo anno di età. Può essere utilizzata per l’acquisto di biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche e spettacoli dal vivo; libri, abbonamenti a quotidiani e periodici anche in formato digitale; musica registrata, prodotti dell’editoria audiovisiva; titoli di accesso a musei, mostre ed eventi culturali, monumenti, gallerie, aree archeologiche e parchi naturali; nonché per sostenere i costi relativi a corsi di musica, di teatro, di danza o di lingua straniera. La novella aggiunge a questo elenco anche i viaggi di istruzione.

L’articolo 3 prevede l’estensione della gratuità dei libri di testo per tutti gli studenti che frequentano fino all’ultimo anno di obbligo scolastico e appartenenti a nuclei familiari con isee fino a 35.000 euro. Secondo quanto previsto dall’articolo 27 della legge n. 448 del 1998, sono i comuni a provvedere, attraverso le risorse statali, alla copertura delle spese per l’acquisto dei libri di testo per gli studenti meno abbienti delle scuole dell’obbligo e secondarie superiori. La definizione delle modalità di ripartizione di tale risorse tra i comuni spetta alle singole regioni. Ciò implica una totale disomogeneità nella distribuzione geografica: si va dai 200 euro di alcune regioni agli 800 euro di altre, da tetti ISEE di 10 mila euro per alcune regioni a tetti ISEE di 30 mila euro per altre, e ci sono situazioni dove, a novembre, regioni ed enti locali non hanno ancora iniziato il percorso di assegnazione. Vanno superati i divari e le disuguaglianze tra studenti, per questo sono necessarie misure omogenee per l’accesso alla gratuità dei libri di testo e per garantire il diritto allo studio a tutti.

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti riapertura straordinaria 60 cfu. Scadenza adesioni 24 giugno. Contatta Eurosofia