Alle scuole elementari e medie gli alunni potranno tornare a parlare durante la ricreazione. In Giappone si va verso la normalità

WhatsApp
Telegram

In Giappone, dopo due anni di restrizioni, arriva qualche segnale di ritorno alla normalità anche per i più piccoli. Il Consiglio dell’Istruzione della prefettura di Fukuoka ha deciso di permettere nuovamente agli alunni delle scuole elementari e medie di tornare a parlare durante la ricreazione.

Il mokushoku (tradotto dal giapponese: mangia in silenzio) è un codice di comportamento che gli alunni erano tenuti a osservare nelle scuole per cercare di contenere il diffondersi dell’infezione, si legge su Tgcom24. Oltre a non poter chiacchierare tra loro durante il pasto, gli studenti non potevano sedersi rivolti verso gli altri e dovevano rispettare la distanza interpersonale. La pausa, da essere un’occasione per confrontarsi con i propri coetanei, era diventata una triste routine: il silenzio era coperto solo dal suono delle posate che colpivano i piatti e per questo motivo qualche preside aveva cercato di rendere il tutto più piacevole trasmettendo della musica attraverso l’impianto acustico della scuola.

Dopo Fukuoka altre prefetture hanno deciso seguito la stessa strada. Miyazaki, a sud di Fukuoka, e Chiba, nell’area metropolitana di Tokyo, hanno iniziato a sollevare alcune delle restrizioni riscontrando il favore degli insegnanti che attendevano da tempo qualche segno di ritorno alla normalità. Ma se i docenti sembrano essere d’accordo sull’abbandono del mokushoku, lo stesso non si può dire dei genitori che temono un nuovo aumento delle infezioni.

WhatsApp
Telegram

A luglio, in tutta Italia, partecipa ai nuovi “Workshop formativi: pensare da dirigente scolastico” organizzati da Eurosofia