Alle paritarie 472 milioni. Saranno gestiti dal Miur

WhatsApp
Telegram

Avvenire dà notizia di una intesa per i fondi alle scuole paritarie, che saranno erogati direttamente dal Miur. Si tratta di 472 milioni (circa 60 in meno rispetto alla cifra del 2001). Permetterà alle scuole di programmare investimenti e scelte educative.

Avvenire dà notizia di una intesa per i fondi alle scuole paritarie, che saranno erogati direttamente dal Miur. Si tratta di 472 milioni (circa 60 in meno rispetto alla cifra del 2001). Permetterà alle scuole di programmare investimenti e scelte educative.

L'intesa – raggiunta nella maggioranza e accolta dal Governo attraverso il Ministro delle Riforme Maria Elena Boschi – stabilisce che i 472 milioni stanziati per le scuole paritarie siano collocati nel capitolo di spesa nel bilancio del Ministero dell'Istruzione, chiamato a gestirli ed erogarli.

I 472 milioni comprendono i 272 milioni previsti dalla legge di bilancio triennale e i 200 milioni aggiunti dal Governo quest'anno (su cui iniziamente c'era stata qualche incertezza Legge di Stabilità. I Commissione, dubbi su costituzionalità 200 mln a paritarie )

L'intesa è dunque diventata un emendamento inserito nella Legge di Stabilità e dovrà essere votato in commissione Bilancio.

"Una prima battaglia è vinta. Sono 3 anni che mi batto perchè i fondi siano riportati in un unico capitolo del Miur perchè in questo modo viene semplificata la procedura e garantita la certezza dell'erogazione " afferma Simonetta Rubinato del PD e Gian Luigi Gigli del Gruppo per l'Italia "Fermo restando che i fondi sono del tutto insufficienti e che in Italia non si può ancora parlare in alcun modo di libertà di scelta educativa, l'aver messo in sicurezza i fondi disponibili permetterà almeno alle scuole di programmare investimenti e attività in un quadro di certezze economiche."

La prossima battaglia, molto probabilmente, sarà quella per il riconoscimento del costo standard.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri