Alla mensa scolastica servono un pezzo di pizza con la muffa ad un’alunna: a Firenze scoppia il caso

Stampa

Un pezzo di pizza al pomodoro ricoperto da un grosso strato di muffa. È questo il piatto che una bambina della scuola ‘Vittorio Veneto’ di Firenze si è vista servire ieri a mensa durante la pausa pranzo.

La piccola, che frequenta il primo anno delle elementari, ha portato la monoporzione, conservata all’interno di un recipiente di plastica in quanto usufruisce di un menu con dieta speciale, a casa. Non appena i genitori l’hanno vista è scattata la segnalazione. “Per fortuna nostra figlia non l’ha mangiata” raccontano, sottolineando che non si tratta di un caso isolato. La notizia è riportata dall’edizione fiorentina della Repubblica.

Meno di una settimana fa, il 21 gennaio, a inciampare in un altro spiacevole episodio, era stato il fratello più grande della bimba e alcuni suoi compagni di classe iscritti alla stessa scuola. La colpa, in quell’occasione, era delle polpette che, a detta degli alunni, avevano un sapore strano.

Il Comune, ricevuta la segnalazione, ha attivato i controlli. “Siamo stati informati e, proprio come facciamo sempre in questi casi, abbiamo chiesto spiegazioni all’azienda e siamo in attesa di un riscontro – fa sapere l’assessora all’Educazione di Palazzo Vecchio, Sara Funaro tramite ‘La Repubblica’ – Se la segnalazione ci viene fatta subito, chiediamo di conservare il pasto e mandiamo i nostri tecnici a fare le dovute verifiche. Se invece la notizia arriva in un secondo momento, chiediamo controlli approfonditi alla ditta di riferimento perché queste cose non devono accadere“.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur